Vai al contenuto

Andrea Purgatori, l’orrore dopo la sua morte: cos’è successo

Andrea Purgatori, l’orrore dopo la sua morte: cos’è successo

La tragica scomparsa di Andrea Purgatori ha scosso il mondo della televisione e del giornalismo, ma purtroppo, come spesso accade dopo la morte di personaggi noti, si è scatenato lo sciacallaggio sui social media. I No Vax hanno alimentato polemiche e teorie infondate, cercando di associare il decesso del conduttore alle vaccinazioni contro il Covid. È un fenomeno inquietante che getta luce sulla disinformazione e l’odio presente in alcune frange della società.

Leggi anche: Incidente al parco: muore giovane mamma di 27 anni per una terribile disattenzione

Leggi anche: Incidente choc mentre vanno al mare, l’auto finisce disintegrata. Chi c’era a bordo

Andrea Purgatori e l’ira dei No Vax

La morte di Andrea Purgatori ha scatenato una serie di reazioni sui social media, soprattutto da parte dei No Vax. Sotto il tweet della giornalista Raffaella Regoli, diversi commenti con emoji raffiguranti siringhe hanno fatto la loro comparsa. Questo chiaro riferimento punta a mettere in correlazione la tragica scomparsa del conduttore con le vaccinazioni contro il Covid. Non solo, alcuni commentatori hanno addirittura accusato il giornalista di essere “stato complice su Covid e ‘vaccinazioni'”, cercando di gettare discredito sul suo lavoro giornalistico. La situazione si è poi ulteriormente aggravata quando Paolo Pace, già esponente del partito Ancora Italia e candidato alla Camera con Italia Sovrana e Popolare, ha pubblicato un commento su Facebook in cui sembrava suggerire una sorta di giustizia nel decesso di Purgatori, poiché questi aveva criticato i No Vax durante la pandemia Covid-19.

Leggi anche: Ragazzo di 20 anni scomparso a Milano, l’appello dei familiari

Leggi anche: Lui muore in luna di miele, due mesi dopo la tragedia

Alcuni commenti

Gli insulti e le provocazioni contro Andrea Purgatori hanno raggiunto livelli crudeli sui social media. Nel gruppo Facebook “Danni Collaterali”, utenti hanno scritto commenti offensivi e spietati sulla morte del conduttore. Frasi come “Un altro mercenario in meno”, “La sfoltita prosegue”, e “Eppure ci credeva nel siero magico” sono solo alcuni esempi della violenza verbale utilizzata da alcuni utenti. Anche su Twitter si legge: “Quante Dosi di vaccino ha fatto??? Aaaah è servito…. Ha fatto quello per cui è stato creato… Il vaccino coperto da segreto militare ( SOLO LE ARMI DI DISTRUZIONE DI MASSA, HANNO IL SEGRETO MILITARE, per dire)….” oppure “In ufficio dico a voce alta che è morto Andrea Purgatori. Cliente: “è stato il vaccino, cadono come mosche”. Guardo il monitor e penso: le mosche le hai tu nel cervello. (Non penso che ce la faremo, i pirla sono troppi).