Vai al contenuto

Addio per sempre al grande giornalista, la decisione choc: “Lo faccio per il mio bene”

Addio per sempre al grande giornalista, la decisione choc: “Lo faccio per il mio bene”

Il famoso giornalista è morto ieri, mercoledì 7 febbraio 2024, all’età di 67 anni. L’uomo era malato da tempo e nell’ultimo periodo soffriva molto. L’uomo durante la sua carriera ha scritto diversi libri per conservare la memoria della storia italiana. Negli ultimi anni aveva pubblicato il suo ultimo saggio “Fenomenologia dello spirito delle Higlands”. La famiglia, in una nota, ha fatto sapere com’è morto il famoso giornalista. Una rivelazione che ha scioccato tutti. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Poste italiane finisce nei guai: cosa hanno scoperto

Leggi anche: È morto Giovanni: una perdita importante per l’Italia

daniele pugliese 683x1024

Daniele Pugliese è morto: chi era

Daniele Pugliese è nato a Torino ma ha vissuto tutta la sua vita a Firenze, dove ha lavorato per 25 anni a “L’Unità” uscendone, quando il giornale venne chiuso, con la qualifica di vicedirettore. Daniele Pugliese fondò l’agenzia di informazione della Regione Toscana, “Toscana Notizie”, ed è stato anche l’artefice dell’associazione culturale e casa editrice Tessere. Il giornalista era anche appassionato di storia. Con l’associazione “Sotto la Mole”, cercò di conservare la memoria della stampa comunista. Con il libro “Appropriazione indebita”, raccontò la biografia di Primo Levi. Scrisse anche dei romanzi come “Skià. La dea dell’ombra rimossa” nel 2021 e “Considerazioni filosofiche sull’alcolismo” nel 2019. Com’è morto il giornalista? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Esplosione in una palazzina, è strage: chi sono le vittime

Leggi anche: Omicidio Riva del Garda, arriva la confessione choc

giornalista morto 683x1024

Daniele Pugliese è morto, il famoso giornalista ha scelto l’eutanasia

I familiari di Daniele Pugliese hanno fatto sapere com’è morto il famoso giornalista. “Daniele ha posto fine alle sue sofferenze. Ieri 7 febbraio, in Svizzera, sotto assistenza medica, ha compiuto la scelta consapevole di terminare la propria esistenza. Proprio lui che si era sempre battuto per il rispetto della decisioni personali, per il testamento biologico, l’eutanasia”, si legge nella nota. Ecco le sue ultime parole. “Sono molto sereno. Sono convinto di quello che sto facendo e lo faccio per il mio bene. Ricordo con affetto le tante persone amiche e vado via soddisfatto. Fate una festa per ricordarmi, un abbraccio a tutti”, riporta Fanpage.