Vai al contenuto

Verstappen vince anche ad Abu Dhabi, Leclerc chiude secondo

Verstappen vince anche ad Abu Dhabi, Leclerc chiude secondo

Max Verstappen chiude in bellezza vincendo ancora una volta ad Abu Dhabi. Alla Ferrari non basta il secondo posto di Charles Leclerc per diventare vice campione nel Mondiale costruttori.

Si chiude nel segno della Red Bull

Fino all’ultimo è stato un dominio della Red Bull che non lascia che le briciole agli avversari. Max Verstappen è un pilota di livello e non solo per il titolo Mondiale conquistato con largo anticipo, ma soprattutto per la volontà di vincere sempre e comunque anche quando altri sportivi troverebbero pochi stimoli. Già in passato qualcuno gli aveva assegnato il soprannome di Cannibale, rievocando un titolo caro al ciclismo. Ad Abu Dhabi l’olandese parte in testa e si difende nei primi due giri da qualche tentativo di Leclerc di attaccarlo sui rettilinei, poi la gara fila liscia fino al traguardo con l’ennesimo trionfo del campione del mondo in carica. Al secondo posto il monegasco della Ferrari, terzo George Russell che conquista i punti necessari alla Mercedes per piazzarsi in seconda posizione nella classifica del mondiale costruttori alle spalle della casa austriaca. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Il Napoli espugna Bergamo, Pioli ringrazia Hernandez

Leggi anche: Bagnaia campione del Mondo di Moto Gp: Martin caduto

Verstappen esulta dopo aver vinto l'ennesimo GP
Max Verstappen va a salutare gli ingegneri RedBull al termine della gara (Photo by Qian Jun/MB Media/Getty Images)

Una grande stagione di Verstappen

Verstappen guarda già avanti, nemmeno il tempo di godersi la vittoria e lo sguardo passa sugli obiettivi della prossima stagione: “Si vuole sempre fare meglio, stiamo già lavorando sodo per l’anno prossimo per avere una macchina competitiva, siamo pronti per la battaglia ma gli altri non dormono. Questa annata è stata incredibile per la F1, sempre esaurito ovunque siamo andati. La stagione è stata incredibile. Sono stato un po’ emozionato nel giro di rientro, era l’ultima volta che ero su una macchina che mi ha dato tantissimo. Devo ringraziare tutti in Red Bull, non sarà facile ripetersi. Dovremo lavorare tantissimo per ripeterci” ha dichiarato l’olandese a fine gara.

La Mercedes si impone sulla Ferrari

A deludere è stata soprattutto la Ferrari in questa stagione. Il secondo posto di Leclerc non è bastato, anche perché Sainz è scivolato in fondo alla griglia e Russell ha portato a casa i 15 punti necessari per tenere la Mercedes davanti. La scuderia tedesca chiude dunque con tre punti di vantaggio sulla Rossa (409 vs 406): una magra consolazione, visto che la Red Bull addirittura ha conquistato la bellezza di 860 punti umiliando gli avversari. Il punteggio degli austriaci è addirittura superiore alla somma di Mercedes e Ferrari, forse le grandi delusioni di questa annata. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leclerc a bordo della Ferrari mentre affronta una curva
Leclerc fatica con la Ferrari cercando di tenere il passo delle RedBull (Photo by Joe Portlock – Formula 1/Formula 1 via Getty Images)

Gli ultimi verdetti

Campionato piloti e costruttori erano già stati assegnati da tempo, ma qualche altra utile indicazione è arrivata proprio ad Abu Dhabi. Innanzitutto Sainz (18esimo) è arretrato dal quarto al settimo posto in classifica mondiale. Partito con gomme dure, ha sofferto per larghi tratti della gara sbagliando strategia. McLaren male con il quinto e sesto posto di Norris e Piastri che sono ben lontani dalle aspettative di inizio stagione. Anche l’Alfa Romeo finisce male con Zhou in 17ª posizione e Bottas in 19ª.

L’ordine d’arrivo ad Abu Dhabi

  1. Verstappen (Red Bull)
  2. Leclerc (Ferrari) a 17″9
  3. Russell (Mercedes) a 20″3
  4. Perez (Red Bull) a 21″4
  5. Norris (McLaren) a 24″2
  6. Piastri (McLaren) a 31″4
  7. Alonso (Aston Martin) a 39″5
  8. Tsunoda (AlphaTauri) a 43″0
  9. Hamilton (Mercedes) a 44″4
  10. Stroll (Aston Martin) a 55″6

Leggi anche: Cristiano Ronaldo segna con un pallonetto da centrocampo

Argomenti