x

x

Vai al contenuto

Tragico incendio nella notte, un’intera famiglia distrutta

Tragico incendio nella notte, un’intera famiglia distrutta

Un incendio è divampato all’interno di un appartamento questa notte, 24 marzo, togliendo la vita ad un intera famiglia. La causa sarebbe l’eccessiva inalazione di fumo arrivata dal piano inferiore della casa. A dare l’allarme sono stati alcuni giovani che hanno visto le fiamme uscire dall’abitazione. Purtroppo per la famiglia non c’è stato nulla da fare.

Leggi anche: Italia in lutto, se ne va un grande della musica

Leggi anche: Cultura italiana in lutto, addio per sempre ad uno dei più grandi

Tragico incendio nella notte

Nel cuore di Sottomarina di Chioggia, esattamente in via Roma, un devastante incendio ha ucciso una famiglia di tre persone. Tutto è successo intorno alle 00:30, quando le fiamme hanno avuto origine al piano terra, mentre il resto della famiglia riposava a quello superiore, non accorgendosi di nulla. L’allarme è stato dato da alcuni giovani che hanno visto le fiamme uscire dall’abitazione e hanno tentato anche con una scala di mettere in salvo le persone. Immediato anche l’intervento dei vigili del fuoco di Chioggia e Cavarzese, che hanno spento le fiamme, che hanno colpito solo il piano terra, mentre il fumo è salito fino0 a creare una cappa. I pompieri, entrati della casa con gli autorespiratori, hanno trovato al secondo piano le persone prive di vita come accertato dai sanitari del Suem. Le operazioni di soccorso sono terminate intorno alle 5:30. Al momento l’abitazione è sotto sequestro per capire al meglio quali siano state le cause di questa tragedia. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Arresto attentatore, spunta il video choc: cosa gli hanno fatto

Le vittime

Le vittime appartenevano tutte allo stesso nucleo familiare: Gianni Boscolo Scarmanati di 64 anni, la moglie Luisella Veronese 59enne e il figlio 27enne Davide. La famiglia era molto conosciuta nella comunità, ora sconvolta e nel lutto, essendo i proprietari del camping Smeraldo, situato a Ca’ Lino.