x

x

Vai al contenuto

Allerta nei supermercati, i famosi snack ritirati dal commercio: cos’hanno scoperto

Allerta nei supermercati, i famosi snack ritirati dal commercio: cos’hanno scoperto

Il Ministero della Salute ha pubblicato un nuovo richiamo alimentare in data 24 agosto 2023, per degli snack contaminati. Può succedere che alcuni prodotti messi in commercio nei supermercati vengano ritirati. Le cause sono svariate: l’alimento è contaminato da qualche sostanza oppure non rispetta le normative sul prodotto. In questo caso il Ministero ha lanciato l’allarme che riguarda un noto marchio di snack. Vediamo di quale si tratta e che problemi sono stati riscontrati. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Barista aggredita da un cliente, cosa ha rivelato la ragazza dopo la terribile vicenda

Leggi anche: Proposta di matrimonio in diretta Tv: la reazione di lei spiazza

Gallette ritirate dai supermercati, il marchio e i rischi

Nel sito ufficiale del Ministero della Salute è stata pubblicata la segnalazione relativa al richiamo di alcuni lotto delle gallette al lampone dm Bio. Le gallette richiamate sono prodotte per dm Drogerie Markt Srl dall’azienda Sanorice Netherland bv nello stabilimento di Inductorstraat 72, a Veenendaal, nei Paesi Bassi. La confezione di prodotto contaminato è quella da 35 grammi. L’azienda ha riferito che le gallette potrebbero essere contaminate da muffe fungine. Cosa fare in caso di acquisto del prodotto? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Tragedia in autostrada, pullman si schianta contro camion: trenta persone coinvolte

Leggi anche: Addio Estate, Mario Giuliacci avverte gli italiani: c’è la data

Cosa fare con le gallette contaminate?

Se si ha già acquistato il prodotto contaminato, ovviamente si raccomanda di non mangiarlo. Le gallette dovranno essere riconsegnate presso il punto vendita più vicino. Il prodotto verrà sostituito con un articolo a scelta oppure rimborsato. L’azienda di produzione ha fatto sapere che, in caso di dubbi, è possibile telefonare al Servizio consumatori che rimane a disposizione al numero 800 111 882.