Vai al contenuto

Scossa Milan: 3-1 al Frosinone e segnale di ripresa

Scossa Milan: 3-1 al Frosinone e segnale di ripresa

Segnale di ripresa per il Milan, che si impone per 3-1 contro il Frosinone nel match valido per la quattordicesima giornata di Serie A. Sblocca il risultato Jovic – alla prima rete con la maglia rossonera – raddoppia Pulisic con una delizia e firma il tris Tomori. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Lazio-Cagliari 1-0: Pedro regala tre punti a Sarri

Leggi anche: Spalletti: “Occhio all’Albania, ma dipenderà dalla condizione”

Pioli sotto le luci di San Siro
Stefano Pioli riflette su come cambiare il Milan in campo (Photo by Nicolò Campo/LightRocket via Getty Images)

Il riassunto

Nel primo tempo, si è manifestato un sostanziale equilibrio in campo, con numerosi errori da entrambe le squadre. Il Frosinone ha saputo chiudere efficacemente gli spazi, mentre il Milan ha faticato nel trovare spazi liberi. Momenti di ansia per i rossoneri si sono verificati quando Loftus-Cheek è caduto a terra, provando dolore alla spalla.

La situazione non si è rivelata grave. Superata la metà della prima frazione di gioco, il Diavolo è riuscito ad aumentare l’intensità, e al minuto 43 è giunto il gol del vantaggio 1-0. Un cross al centro di Chukwueze ha generato un pallone deviato in aria, prontamente raccolto da Jovic, il quale con un tiro al volo incrociato di sinistro ha segnato il suo primo gol con la maglia del Milan.

Nella ripresa, il Milan ha raddoppiato al 50′ con un gol eccezionale di Pulisic. Quest’ultimo ha sfruttato un rinvio lungo di Maignan, eseguendo uno stop delizioso seguito da una progressione culminata con un preciso colpo sotto chirurgico. La fiducia della squadra è cresciuta, e l’entusiasmo ha raggiunto l’apice.

Al minuto 74, Theo ha crossato in mezzo per consentire a Jovic, con un colpo di testa sul secondo palo, di appoggiare di testa per il tempestivo inserimento vincente di Tomori, portando il punteggio sul 3-0. L’ex giocatore Brescianini ha messo a dura prova i rossoneri all’82’ con un calcio di punizione. Nel finale, l’ingresso di Camarda ha contribuito a consolidare la difesa, consentendo al Milan di resistere e portare a casa tre punti fondamentali per il morale.

Milan-Frosinone, il tabellino

MILAN (4-3-3): Maignan, Calabria; Tomori, Theo Hernandez, Florenzi; Loftus-Cheek (dal 79′ Pobega), Musah, Reijnders (dal 79′ Bennacer), Chukwueze (dal 64′ Adli), Jovic (dall’85’ Camarda), Pulisic (dal 79′ Chaka Traoré). Allenatore: Stefano Pioli. A disposizione: Mirante, Nava, Simic, Jimenez, Krunic, Bennacer, Pobega, Adli, Chaka Traore, Romero, Camarda. All.: Pioli.

FROSINONE (4-3-3): Turati; Monterisi (dall’86’ Cheddira), Romagnoli, Okoli, Oyono; Bourabai (dal 46′ Brescianini), Barrenechea, Reinier (dal 57′ Gelli); Soulè, Ibrahimovic (dal 67′ Caso); Cuni (dal 67′ Kaio Jorge). All. Di Francesco. A disposizione: Frattali, Cerofolini, Baez, Lulic, Pinto, Garritano, Kvernadze, Vanzelli, Cheddira. All.: Di Francesco.

ARBITRO: Marchetti

GOL: Jovic 43′, Pulisic 50′, Tomori 74′, Brescianini 82′

AMMONIZIONI: Barrenechea (F), Jovic (M), Pioli (M)

Le parole di Pioli

Intervenuto in conferenza stampa, il tecnico rossonero Stefano Pioli ha commentato così l’esito della partita e gli obiettivi rossoneri: “Il Milan è partito col provare ad essere competitivo per vincere lo Scudetto. poi lo vincerà solo una squadra e Inter e Juve sono squadre fortissime. Siamo in ritardo, bene queste due vittorie di fila, ma ora ci vuole continuità per recuperare dei punti un po’ alla volta e poi giocarsi lo Scudetto da marzo fino alla fine. Noi oggi abbiamo risposto bene sul campo, hanno risposto alla grande i tifosi perché ci hanno incitato dall’inizio alla fine. Dobbiamo continuare così: se vogliamo lottare per le prime posizioni dobbiamo spingere forte. Abbiamo una settimana per lavorare alla grande“.

Argomenti