Vai al contenuto

Spalletti: “Occhio all’Albania, ma dipenderà dalla condizione”

Spalletti: “Occhio all’Albania, ma dipenderà dalla condizione”

Luciano Spalletti non si lascia andare a valutazioni ma mette al centro delle riflessioni la condizione fisica delle Nazionali per Euro 2024.

Difendere il titolo

Compito non facile quello di Spalletti che dovrà difendere il titolo conquistato da Mancini agli ultimi Europei. L’Italia arriva da campione d’Europa in Germania, paese che ha regalato già una grande gioia nel Mondiale del 2006. Il sorteggio però non è stato benevolo con gli Azzurri, inseriti insieme a Spagna, Croazia ed Albania. La vittoria di Barella e compagni a Berlino al momento è quotata a 12, un valore che certifica gli sfavori dei pronostici e delle agenzie di scommesse verso la nostra nazionale. Le favorite sono invece Francia e Inghilterra, quotate a 4, mentre Germania e Spagna rispettivamente a 7 e 8. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Nel segno della difesa, così Allegri insegue lo scudetto

Leggi anche: Calcio-scommesse: ci sono altri 4 indagati

Scamacca in campo con la maglia dell'Italia di Mancini
Gianluca Scamacca in campo nel corso della gara contro Malta per Euro 2024 (Photo by Jonathan Moscrop/Getty Images)

Spalletti e la condizione fisica

Spalletti mantiene un profilo basso e rimanda le valutazioni al 2024, quando si potrà osservare l’evoluzione della nostra nazionale e la condizione fisica. Un occhio di riguardo del ct anche nei confronti dell’Albania, squadra cuscinetto del Girone B: “Essere in quarta fascia ti fa rendere conto di avere molte squadre davanti, ma siamo l’Italia e dobbiamo giocare con orgoglio tutte le partite. Difficile fare pronostici, manca troppo tempo. Il girone è tosto e l’Albania sa stare in campo. Sappiamo che molto dipende dal nostro livello di condizione in quel momento, dobbiamo sviluppare la condizione insieme sia nel campionato che dal punto di vista delle relazioni. Non ci piace essere attendisti, è chiaro che dentro una partita ci sono vari momenti” ha dichiarato Spalletti a caldo dopo i sorteggi.

Gravina ottimista per Euro 2024

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, ha corteggiato a lungo Spalletti come erede di Mancini in Nazionale. Per il dirigente l’uomo giusto era l’ex allenatore del Napoli, chiamato a guidare l’Italia ad Euro 2024 dopo un difficile cammino di qualificazione. Gravina, intervistato ai microfoni di Sky Sport, si è dichiarato parzialmente soddisfatto del sorteggio: “Siamo relativamente soddisfatti, è chiaro che, come in tutti i sorteggi, si auspicava qualche situazione meno impegnativa, però abbiamo anche visto che poteva andare peggio. Siamo fermamente convinti di poter fare bene, abbiamo Spalletti particolarmente fiducioso e dobbiamo recuperare quella spinta straordinaria di tantissimi tifosi italiani che aspettano una risposta importante sotto il profilo dei risultati“.

Leggi anche: Napoli, De Laurentiis: “Osimhen rinnova. Voglio comprare il Maradona”

Argomenti