x

x

Vai al contenuto

Pensioni, ad aprile nessuna bella sorpresa 

Pensioni, ad aprile nessuna bella sorpresa 

Varie. Pensioni, ad aprile 2024 non è prevista alcuna bella sorpresa rispetto al mese precedente. Con l’entrata in vigore degli adeguamenti previsti dalla recente riforma dell’Inps, i cedolini potranno subire una leggere differenza rispetto a marzo. Scopriamo insieme tutte le novità. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Facebook e Instagram down: cosa sta succedendo

Leggi anche: È morto Luciano De Luca, ecco chi era

pensioni

Pensioni, cosa accadrà ad aprile 2024

Pensioni, per il prossimo mese non sono previste belle novità. 

Nel prospetto di pagamento di aprile 2024, la maggioranza dei pensionati non osserverà variazioni rilevanti rispetto al mese precedente. Piuttosto, potranno notare una leggera diminuzione rispetto a marzo. Tale cambiamento è dovuto all’entrata in vigore degli adeguamenti previsti dalla recente riforma dell’Inps, che sono stati applicati già a marzo. In quel momento sono stati corrisposti non solo gli aumenti delle pensioni, ma anche i retroattivi relativi ai mesi precedenti. Di conseguenza, poiché questi ultimi sono pagamenti unici, il prospetto di aprile sarà leggermente inferiore per coloro che hanno già ricevuto l’aumento. D’altra parte, coloro che, per varie ragioni, non hanno ricevuto l’aumento a marzo, lo riceveranno ad aprile, compresi i retroattivi accumulati dall’inizio dell’anno. (Continua a leggere dopo la foto)

Revisione delle aliquote Irpef, cosa cambierà 

La riforma comporta una revisione delle aliquote fiscali Irpef, che vengono ridotte a tre fasce: fino a 28.000 euro l’anno si applica il 23%, per redditi tra 28.000 e 50.000 euro si versa il 35%, mentre per redditi superiori ai 50.000 euro l’aliquota è del 43%. Tali modifiche portano un vantaggio finanziario per coloro che percepiscono oltre 15.000 euro l’anno, con un vantaggio particolare per chi ha un reddito annuo di almeno 28.000 euro, i quali otterranno un aumento di circa 260 euro l’anno. La necessità di adattare le aliquote alle nuove regole ha portato l’Inps a continuare ad utilizzare le vecchie aliquote nei primi mesi dell’anno, in attesa delle decisioni definitive del governo, che sono state prese solo alla fine di dicembre 2023. Dopo l’aggiornamento del sistema, la maggior parte dei pensionati ha ricevuto sia l’aumento relativo a marzo sia gli arretrati di gennaio e febbraio. Di conseguenza, nel cedolino di aprile 2024 verranno applicate le nuove aliquote senza ulteriori somme arretrate. (Continua a leggere dopo la foto)

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva