Vai al contenuto

Multa di 20mila euro a Mourinho e Roma dopo il patteggiamento

Multa di 20mila euro a Mourinho e Roma dopo il patteggiamento

In seguito alle parole espresse da José Mourinho in conferenza stampa prima del match contro il Sassuolo, è stata stabilita una sanzione di 20mila euro di ammenda a carico del tecnico giallorosso e della Roma. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Super Atalanta: 4-0 al Rakow e ottavi di finale

Leggi anche: Allegri mette pressione all’Inter: “Deve vincere”

José Mourinho
Jose’ Mourinho, allenatore della AS Roma, osserva la partita di Serie A tra SS Lazio e AS Roma allo Stadio Olimpico il 12 novembre 2023 a Roma, Italia. (Foto di Giuseppe Maffia/NurPhoto via Getty Images)

La Federazione ha comunicato il patteggiamento e la multa a carico di José Mourinho e della Roma in seguito alle parole pronunciate dal tecnico giallorosso durante la conferenza stampa di presentazione della partita contro il Sassuolo.

Lo Special One ha espresso giudizi lesivi del prestigio e della reputazione dell’arbitro Matteo Marcenaro e del calciatore neroverde Domenico Berardi. I soldi della multa saranno devoluti in beneficienza all’AIL.

Il comunicato

Questo il comunicato della Figc: “A seguito dell’accordo di patteggiamento raggiunto dalle parti l’allenatore della Roma José Mourinho è stato sanzionato con un’ammenda di 20mila euro da devolvere all’Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e Mieloma (AIL). La stessa sanzione, anch’essa da devolvere all’AIL, è stata applicata anche alla Roma, per responsabilità oggettiva ai sensi degli articoli 6, comma 2, e 23, comma 4, del Codice di Giustizia Sportiva“.

Le parole di Mourinho

Ma quali sono state nello specifico le parole di Mourinho? Lo scorso 2 dicembre – a margine della conferenza stampa pre-Sassuolo – Mou aveva confessato di non essere tranquillo in vista del match per due motivi differenti: il primo riguardava l’arbitro – Marcenaro – giudicato dallo Special One privo di “stabilità emozionale adatta per questa gara” e il Var – Di Bello – con cui “siamo sempre stati sfortunati“.

Il secondo motivo riguardava invece Domenico Berardi. Sull’attaccante del Sassuolo il tecnico giallorosso ha espresso le seguenti dichiarazioni: “Prende falli, gialli, rigori inesistenti. Così è troppo: io lo amo, ma allo stesso tempo lo odio. Se fosse un mio giocatore avrebbe un problema con me con quell’atteggiamento“.

Argomenti