Vai al contenuto

Mourinho, che esultanza: abbraccia il raccattapalle

Mourinho, che esultanza: abbraccia il raccattapalle

José Mourinho ha mostrato ancora una volta il suo lato più giocoso e appassionato, abbracciando un raccattapalle al terzo gol della Roma contro l’Udinese, nella partita di Serie A disputata domenica 26 novembre 2023. Con il sigillo di El Shaarawy, che ha chiuso la gara in un momento delicato della partita, Jose Mourinho si è lasciato andare ad un’esultanza incontenibile conclusa con l’abbraccio ad uno dei raccattapalle posti a bordocampo.

Leggi anche: Roma-Udinese 3-1: tre punti e vista Champions per Mou

Leggi anche: Mourinho: “Smalling non sa soffrire”

Mourinho ha ripetuto così un gesto che aveva già fatto nel 2019, quando allenava il Tottenham e abbracciò un raccattapalle dopo il gol del momentaneo 2-2 degli inglesi contro l’Olympiakos, in Champions League. Anche in quell’occasione, il raccattapalle fu determinante per il gol di Kane, restituendo prontamente la palla ad Aurier per la rimessa laterale.

Mourinho ha spiegato in conferenza stampa il motivo di quella reazione: “Ho esultato per il goal che ha chiuso la partita. Con i cambi abbiamo perso un po’ in difesa, anche al minuto 85 la nostra organizzazione difensiva non mi dava grande sicurezza. Il terzo goal ha chiuso la partita e mi sono rilassato. C’era un bambino, per fortuna non era un poliziotto o una donna. È stato il primo che ho visto davanti a me”. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

José Mourinho
Jose’ Mourinho, allenatore della AS Roma, osserva la partita di Serie A tra SS Lazio e AS Roma allo Stadio Olimpico il 12 novembre 2023 a Roma, Italia. (Foto di Giuseppe Maffia/NurPhoto via Getty Images)

Il feeling di Mourinho con i “raccatapalle”

Il gesto di Mourinho ha suscitato l’ammirazione e la simpatia dei tifosi e dei media, che hanno elogiato lo Special One per la sua spontaneità e il suo coinvolgimento emotivo. Molti hanno ricordato anche altri episodi in cui Mourinho ha dimostrato il suo affetto per i raccattapalle, come quando li invitò a festeggiare con lui e i suoi giocatori la vittoria della Champions League con l’Inter nel 2010.

Argomenti