Vai al contenuto

Morata, tutti lo vogliono: ma per ora nessuno ci scommette

Morata, tutti lo vogliono: ma per ora nessuno ci scommette

Morata interessa ad Inter, Milan e Juventus, ma al momento sembra rappresentare solo il piano B per le big italiane

Alvaro Morata è nel mirino di molti club, soprattutto in Serie A. Tuttavia nessuno ancora ha provato l’affondo, in attesa che il mercato possa fornire occasioni migliori per rinforzare le rose. Facciamo il punto sulla situazione dell’ex giocatore del Chelsea. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

GettyImages 1258797638 1200x800 1024x683
ROTTERDAM, NETHERLANDS – JUNE 18: Alvaro Morata of Spain gestures during the UEFA Nations League 2022/23 Final match between Croatia and Spain at the De Kuip on June 18, 2023 in Rotterdam, Netherlands (Photo by Rene Nijhuis/BSR Agency/Getty Images)

Morata come piano B

La sensazione è lo spagnolo rappresenti al momento un piano B per diverse squadre. L’Inter vuole il ritorno di Lukaku, in attesa che la posizione del Chelsea si faccia più morbida: l’obiettivo sarebbe quello di rinnovare il prestito oneroso, in alternativa andrebbe bene anche un prezzo intorno ai 25-3′ milioni per il riscatto. Solo in caso di no dei Blues, si punterebbe su Morata, che avrebbe il difficile compito di non far rimpiangere il belga e Dzeko, finito al Fenerbahce.

Leggi anche: Il futuro di Lukaku tra Chelsea, Arabia Saudita, Milan e Inter: il punto

Leggi anche: Ecco la nuova Juventus di Giuntoli: il progetto dei bianconeri

Milan e Juve alla finestra

Anche il Milan sta a guardare, perché in cima alla lista ci sono altri nomi: Lukaku, Inter permettendo, e Scamacca. La conferma di Giroud e il riscatto di Colombo obbligano i rossoneri a cercare un attaccante di riserva senza troppi investimenti. Morata potrebbe essere il nome giusto, ma per un classe ’92 Cardinale non farà sicuramente pazzie. Infine c’è la care vecchia Juventus, alle prese con un Vlahovic sul punto di partenza e un rinnovo generazionale in corso. Allegri stima lo spagnolo, però è consapevole che gli investimenti maggiori andranno fatti a centrocampo, mentre Weah e Milik danno garanzie in avanti.

Argomenti