x

x

Vai al contenuto

Meteo, due giorni di maltempo e poi? Le previsioni di Mario Giuliacci

Meteo, due giorni di maltempo e poi? Le previsioni di Mario Giuliacci

Questo fine settimana sarà all’insegna del maltempo, lo conferma Mario Giuliacci nel suo sito meteogiuliacci.it. E poi? L’esperto ha annunciato che piogge e temporali dureranno ben poco. Dopo inizierà l’incubo. Cosa ha previsto il meteorologo per la prima settimana di luglio. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: La super vip diventa mamma bis a 53 anni: l’annuncio a sorpresa

Leggi anche: Allarme nelle spiagge italiane: fate attenzione a questo

Primo weekend di luglio all’insegna del maltempo

“Tra venerdì 30 giugno e sabato primo luglio vivremo un’intensa fase temporalesca”, scrive Mario Giuliacci nel suo sito. Il maltempo invaderà tutto il Centro-Nord. Il meteorologo ha avvertito che si tratta di una ondata di maltempo “piuttosto veloce, perché non è altro che una debole saccatura in quota. Stante l’aria calda e umida preesistente, è però sufficiente per lo sviluppo di temporali di una certa intensità, con fenomeni localmente intensi e disagi”. Cosa accadrà poi la settimana prossima? (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Michelle, cosa c’è dietro il delitto: il retroscena choc

Leggi anche: Kata scomparsa, cosa è emerso dai video delle telecamere di sorveglianza

Cosa succederà la prossima settimana

Se per questo fine settimana sono previsti piogge e temporali e temperature più fresche, per l‘inizio della prossima ritornerà l’anticiclone africano, e avverte Giuliacci, che il caldo sarà “più intenso di prima”. Durante questo weekend “sicuramente le temperature calano in maniera molto marcata, portandosi ben al di sotto delle medie laddove nubi e piogge insistono per l’intera durata del giorno”, fa sapere il meteorologo. Poi dalla settimana prossima il sole tornerà a risplendere nella nostra penisola e l’anticiclone africano porterà con sé temperature elevate. “Il caldo non sarà in una prima fase molto intenso, in quanto rimarremo allineati alle medie del periodo. Ma in una seconda fase, purtroppo, l’anticiclone africano potrebbe coinvolgerci ancora, con un target ben preciso. Sarebbe realistica una fase calda piuttosto marcata. Allo stato attuale, ne farebbe le spese buona parte del Centro-Sud, mentre il Settentrione rimarrebbe ai margini, anche se con temperature un po’ sopra la media”, conclude il meteorologo.