x

x

Vai al contenuto

Allarme nelle spiagge italiane: fate attenzione a questo

Allarme nelle spiagge italiane: fate attenzione a questo

Una giornata di svago al mare si è trasformata in un incubo per i bagnanti della spiaggia di Cerveteri, che al ritorno a casa si sono ritrovati con bolle e prurito sul collo, sulle braccia e sulla schiena. L’allarme è stato diffuso sui social media da utenti sorpresi e infastiditi da questi episodi, che hanno raccolto numerosi commenti e condivisioni.

Leggi anche Giulia Tramontano, è bufera su Chi l’ha Visto: il gesto per gli italiani è imperdonabile

Leggi anche Giulia Tramontano e Liliana Resinovich, la rivelazione da brividi a Chi l’ha Visto: italiani senza parole

Bagnanti spiaggiati a Cerveteri riportano bolle e prurito a causa delle pulci di mare

Le responsabili di queste fastidiose punture sono le cosiddette “pulci di mare”, piccoli crostacei che vivono sulla sabbia e sulla battigia. Secondo la professoressa Eleonora Nucera, Direttrice del servizio di allergologia e immunologia clinica al Policlinico Gemelli, queste pulci sono parassiti fastidiosi ma non pericolosi e sono particolarmente attive sulle spiagge durante l’alba e il tramonto. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la presenza delle pulci di mare sulla spiaggia non dipende dalla pulizia, ma piuttosto dal periodo. Durante le fioriture e le riproduzioni rapide di questi crostacei, le spiagge possono essere invase da un giorno all’altro.

Leggi anche “Chi l’ha visto”, le parole sospette di Alessandro Impagnatiello prima dell’arresto

Leggi anche Giulia Tramontano, parla la madre a “Chi l’ha visto”: cos’ha fatto prima di morire

Consigli per lenire le punture e precauzioni da adottare per evitare il contatto

Nel caso di punture di pulci di mare, è importante intervenire tempestivamente. La puntura provoca la comparsa di papule eritematose che causano prurito e possono durare da poche ore ad alcuni giorni. La professoressa Nucera consiglia di lavare immediatamente la zona con acqua di mare e poi disinfettarla con un sapone antisettico e acqua fredda. Successivamente, l’applicazione di creme lenitive a base di calamina o estratti vegetali come menta piperita o Aloe può contribuire a lenire le lesioni cutanee. In alcuni casi, specialmente per persone ipersensibili, può essere necessario un trattamento con antistaminici orali per alleviare il fastidioso prurito. Per evitare il contatto con le pulci di mare, è possibile adottare alcune precauzioni. La professoressa Nucera consiglia l’utilizzo di spray repellenti a base di oli essenziali da applicare sulla pelle prima di andare in spiaggia e dopo ogni bagno in mare. Questo può contribuire a prevenire le punture di questi fastidiosi parassiti. L’allarme pulci di mare a Cerveteri ha messo in allerta i bagnanti che hanno riportato bolle e prurito a causa di queste piccole creature. È importante seguire le indicazioni degli esperti per alleviare le punture e adottare precauzioni per evitare il contatto con le pulci di mare. Con una corretta gestione, si può tornare a godere delle giornate al mare in tranquillità, senza essere disturbati da fastidiosi parassiti marini.