x

x

Vai al contenuto

F1, i giochi di potere in Red Bull e il futuro di Max Verstappen

F1, i giochi di potere in Red Bull e il futuro di Max Verstappen

Con Max Verstappen intrappolato tra i giochi di potere in corso alla Red Bull e la spaccatura ora pubblica del direttore della squadra Christian Horner con suo padre Jos, le speculazioni sul futuro del pluricampione F1 sono all’ordine del giorno. C’è chi arriva ad ipotizzare che l’olandese potrebbe finire per lasciare la Red Bull prima della fine del suo accordo, ma riflettendo attentamente su quel che ha sempre affermato Max si tratta, per il momento, di fantascienza.

Leggi anche: Ecco come la Ferrari ha soffiato Hamilton alla Mercedes

max verstappen

Max Verstappen, lascerà prima della scadenza del contratto o chiuderà la carriera in Red Bull?

Non è ancora chiaro se quest’ultimo scenario possa diventare una possibilità, ma anche i diversi colloqui in Bahrein tra Jos e il capo della Mercedes, Toto Wolff, non hanno modificato la situazione. Qualunque cosa accada nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, il modo in cui Verstappen vede il suo futuro nella F1 avrà però un impatto determinante su qualsiasi decisione ancora da prendere.

Come ha affermato più volte, Max non ha intenzione di godersi una carriera ventennale come Fernando Alonso o Lewis Hamilton, lasciando la porta aperta per un ritiro anticipato dalla F1 al termine del suo attuale contratto con la Red Bull nel 2028, quando avrà solo 31 anni. Ha identificato diversi fattori dietro questo pensiero, incluso il costo umano di un calendario di F1 di 24 gare, che secondo lui è “ben oltre il limite”, ulteriori vincoli di tempo causati dai suoi impegni di pubbliche relazioni e il desiderio di perseguire altre strade nella vita.

“So molto bene cosa voglio al di fuori della Formula 1”, ha detto Verstappen prima del Gran Premio del Bahrein. “Ha più a che fare con la qualità della vita in generale. Le corse in sé sono molto divertenti, ma tutto ciò che riguarda i viaggi, il marketing e così via, a un certo punto potresti aver finito. Allora non è così. importa quanto guadagni. Alla fine, si tratta più di essere felici di quello che fai. Devi essere in grado di dare il 100%. Al momento questo non è affatto un problema, ma ad un certo punto forse hai visto tutto. Ho molte cose su cui sto già lavorando per il futuro, cose al di fuori della Formula 1. Voglio anche poter andare in vacanza quando voglio.”