x

x

Vai al contenuto

Jessica muore a 33 anni, uccisa dal male in 10 mesi: cosa è successo

Jessica muore a 33 anni, uccisa dal male in 10 mesi: cosa è successo

Jessica non ce l’ha fatta. Dopo aver lottato e sperato che la malattia scomparisse, si è dovuta arrendere e a soli 33 anni ha lasciato marito, figli e tutta la sua famiglia affranti nel dolore. A maggio dell’anno scorso, la donna venne ricoverata per un ‘semplice mal di pancia’, ma purtroppo non era così: quel giorno le fu diagnosticato un raro tumore che le ha colpito parte del pancreas portandola via dopo 10 mesi.

Leggi anche: Incendio in un appartamento, morti mamma e figli

Leggi anche: Malore durante la partita, Matteo si accascia e muore davanti alla moglie

Jessica muore a 33 anni, uccisa dal male in 10 mesi

È venuta a mancare la scorsa notte, dopo una lunga malattia, la 33enne tarzese Jessica Maria Spampinato. All’Hospice Antica Fonte di Vittorio Veneto, accanto a Jessica i due bambini di 11 e 7 anni, insieme a tutta la sua famiglia. Jessica aveva origini siciliane e si era trasferita in Veneto nel 2000. Il padre, falegname, si era trasferito a Corbanese. Da ragazza aveva cominciato a frequentare i corsi per estetista alla scuola professionale di Lancenigo. Ed è lì, sul treno che prendeva per andare a scuola, che aveva conosciuto Enrico. Anche lui giunto con la famiglia dalla Sicilia a San Vendemiano, e anche lui era studente in una scuola professionale di Mestre.

In qualche anno la storia d’amore poi l’arrivo di due bambini, un maschietto e una femminuccia. Enrico lavora in un’azienda metalmeccanica di Vittorio Veneto, lei invece cinque anni fa trova lavoro all’estetica Fisioline di Conegliano, in via Verdi. Jessica e Enrico hanno tanti progetti, e lavorano sodo per realizzarli. A cominciare dalla casa. Ne comprano una a Tarzo, ma Jessica vuole costruire il suo sogno: avere uno studio di estetica tutto suo e così pensa di cominciare a risparmiare per poter realizzarlo. Poi a maggio, qualcosa non va. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Tragico frontale su una 500 d’epoca: chi c’era a bordo

La diagnosi

Amava tanto il suo lavoro, non perdeva un giorno, anche quando stava male andava a lavorare“, racconta Angela Lembo, zia e ‘seconda mamma’ di Jessica . “Il suo sogno era quello di aprire un suo centro estetico ma non è mai riuscita a realizzarlo. L’anno scorso, a maggio, venne ricoverata per un ‘semplice mal di pancia’, ma purtroppo non era così: quel giorno le fu diagnosticato un raro tumore che le ha colpito parte del pancreas portandocela via dopo 10 mesi – continua Angela -. Ha lottato fino alla fine come una guerriera. Non ha mai voluto arrendersi: il 27 febbraio era partita per Milano, con quelle poche forze che le erano rimaste, per un’ultima speranza, ma quel giorno le hanno riferito che non c’era più niente da fare. Anche la settimana scorsa, mercoledì, accompagnata dal compagno e dal cognato, è partita per Roma per avere un ulteriore parere medico, ma purtroppo anche lì l’esito è stato negativo”. Il marito Enrico è distrutto, ma lucido nel ricordare la moglie e la mamma: “Ha dedicato la sua vita alla famiglia e al lavoro, che amava tanto, combattendo fino alla fine“.

Il funerale sarà celebrato sabato alle ore 10.30 nella chiesa parrocchiale di Tarzo.