Vai al contenuto

Gudmundsson trascina il Genoa: cade il Sassuolo 1-2

Gudmundsson trascina il Genoa: cade il Sassuolo 1-2

Il Sassuolo si fa rimontare e perde malamente in casa. Il Genoa ringrazia il solito Gudmundsson, autore di un gol su rigore e di un assist nel finale per il gol di Ekuban.

Il vantaggio neroverde

Partita senza emozioni in avvio, un paio di occasioni favorevoli per Ekuban, sostituto di Retegui, ma sprecato malamente dall’attaccante a cui Gilardino aveva dato una nuova chance. Poi il Sassuolo ha alzato il baricentro e beneficiando anche di un avversario passivo nell’atteggiamento, al 28’ ha trovato in contropiede il gol del vantaggio approfittando di uno strappo di Laurienté e del tap in vincente di Pinamonti. Il Genoa del primo tempo s’è limitato a un diagonale fuori di poco di Gudmundsson, pure lui però non travolgente, su assist di Ekuban. Troppo poco per poter sperare di far male a un avversario decisamente confuso e passivo. Tra l’altro Laurienté , particolarmente ispirato oggi, innesta Henrique che da buona posizione rischia il raddoppio prima che Martinez salvi il risultato.(CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Riscossa Lazio: Guendozi e Zaccagni decisivi contro l’Empoli

Leggi anche: Mourinho: “Ecco perché ho detto di voler restare”

Segno di intesa per i giocatori del Sassuolo
Pinamonti viene incitato dai compagni di squadra e da Toljan (Photo by Luca Amedeo Bizzarri/Getty Images)

Vittoria in rimonta

Dionisi nella ripresa mette Tressoldi per Ferrari. Ci prova Sabelli dopo pochi minuti invano, poi Badelj colpisce di testa da posizione invitante. Si accende Gudmundsson, faro dei rossoblu, sche sfrutta un invito di De Winter per calciare però addosso a Consigli. Gilardino sceglie allora Martin e Thorsby e passa alla difesa a quattro, scelta che cambia totalmente l’inerzia della sfida. il momento decisivo è quando dal VAR Valeri richiama Guida per segnalare il tocco di mano Erlic in area di rigore. Dal dischetto si presenta Gudmundsson che pareggia con freddezza realizzando il settimo centro in stagione. L’islandese è decisivo anche negli ultimi minuti quando con un colpo di tacco smarca Ekuban che regala il gol della rimonta e i tre punti al Genoa. I rossoblu salgono a quota 19 in classifica e prendo una bocca d’aria, il Sassuolo rimane a 16 e inizia a guardare dietro alla lotta salvezza. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

I giocatori del Genoa esultano
Gudmudsson insieme ai compagni prima del fischio finale (Photo by Simone Arveda/Getty Images)

La prossima con l’Inter

Alberto Gilardino, che oggi ha rinunciato a Retegui dal primo minuto, si è dichiarato soddisfatto della prestazione dei suoi e guarda già alla prossima contro l’Inter in campionato. Ecco le sue parole ai microfoni di DAZN al termine della sfida vinta contro il Sassuolo. “Bello vivere le emozioni anche da allenatore, come è stato stasera. Siamo stati bravi nel secondo tempo: coesi, con voglia di recuperare il risultato, con ambizione nei singoli. Il Sassuolo nel primo tempo era passato in vantaggio, aveva addormentato la gara. Nella ripresa abbiamo dimostrato di essere una squadra coesa. Tutti hanno fatto bene anche chi è entrato in corsa. Ekuban è un ragazzo umile, ha qualità importanti. Si tratta di un giocatore con grandi potenzialità, può diventare devastante. Tutti, comunque, hanno avuto il giusto atteggiamento“.

Delusione invece per Dionigi, che aveva assaporato il vantaggio prima del crollo nella ripresa: “Eravamo in controllo, abbiamo giocato per vincerla. Abbiamo fatto un errore e l’abbiamo pagato, non è la prima volta che capita. Sfortunati, abbiamo pagato quest’errore. Potevamo fare il 2-0 e invece purtroppo abbiamo perso. I ragazzi erano dispiaciuti. Non posso parlare solo del risultato, ma anche della prestazione. Dispiace, perché non abbiamo meritato questo risultato. I ragazzi non sono soddisfatti ovviamente, ma dobbiamo unirci ancora di più e tirare fuori carattere e qualità, che si sono viste anche oggi. Ci rialzeremo“.

Tabellino della gara

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Pedersen, Erlic, Ferrari (46′ Tressoldi), Toljan; Boloca, Matheus Henrique; Castillejo (60′ Bajrami), Thorstvedt (59′ Volpato), Laurientè; Pinamonti (84′ Mulattieri). A disp.: Cragno, Pegolo, Missori, Lipani, Ceide. All.: Dionisi

Genoa (3-5-2): Martinez; Dragusin, Bani (60′ Thorsby), De Winter; Sabelli, Malinovskyi (88’ Vogliacco), Badelj (74′ Strootman), Frendrup, Vasquez (60′ Martin); Gudmundsson, Ekuban. A disp.: Leali, Sommariva, Matturro, Hefti, Haps, Jagiello, Galdames, Puscas, Fini. All.: Gilardino

Arbitro: Guida

Marcatori: 28′ Pinamonti (S), 64′ rig. Gudmundsson, 88’ Ekuban (S)

Ammoniti: Bani (G), Laurientè, Ferrari (S)

Leggi anche: Real in vetta: il tecnico dell’Alaves è una furia

Argomenti