Vai al contenuto

“Morto di freddo”: Giorgio Panariello, il lutto è straziante

“Morto di freddo”: Giorgio Panariello, il lutto è straziante

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Giorgio Panariello ha confessato dettagli intimi di una storia familiare che lo ha segnato profondamente: nel 2011 suo fratello Franco è morto. Il comico toscano ha raccontato il rapporto che aveva con quella persona che non sapeva di essere suo fratello.

Leggi anche: “Ballando con le stelle”, fuori Selvaggia Lucarelli? Chi siederebbe in giuria al suo posto

Leggi anche: Sanremo 2024, arriva la conferma ufficiale di Amadeus: fan disperati

Giorgio panariello

“Non sapevo chi fosse”

Giorgio Panariello è nato il 30 settembre del 1960, dunque tra qualche giorno compirà 63 anni. Durante un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Panariello ha raccontato del rapporto che aveva con Franco, un ragazzo che stava in collegio e che durante le feste si presentava a casa. “Era un ragazzino che ogni tanto veniva a casa e non sapevo chi fosse, perché nessuno voleva dirmi che avevo un fratello che avevo messo in collegio. Poi, crescendo, mi sono fatto delle domande“.

Crescendo Franco ha iniziato ad avere problemi con la droga. “Lo vedevo diventare cattivo e arrabbiato, poi ho capito le sue sofferenze e ho cominciato a stare dalla sua parte“, ha raccontato Giorgio, che ha iniziato a prendersi cura di lui diventando quasi un peso: “Per anni l’ho considerato una zavorra perché io volevo crescere, spiccare il volo nel lavoro, ma avevo sempre questo pensiero, questo tormento”. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Fa colazione e muore: tragedia in Italia, addio al calciatore

Screenshot 2023 09 05 alle 09.30.20

Franco è morto a causa del freddo

A soli 50 anni Franco è morto, ma la colpa non è della droga: “Non è morto di overdose, ma perché è stato lasciato dagli amici sul lungomare di Viareggio come un materasso e se n’è andato per ipotermia. Mio fratello è morto di freddo, per colpa della droga. Franchino era un buono, se non avesse incontrato l’eroina sarebbe stato tutto diverso“, ha spiegato Giorgio con tanta amarezza e tristezza nel cuore.