Vai al contenuto

Filippo Turetta, di cosa potrebbe soffrire e quali sono i sintomi

Filippo Turetta, di cosa potrebbe soffrire e quali sono i sintomi

Filippo Turetta potrebbe avere un disturbo della personalità che, se confermato, influirebbe nel processo giudiziario a suo carico. Se il ragazzo fosse certificato come paziente psichiatrico le accuse a suo carico sarebbero più leggere e non rischierebbe l’ergastolo ma un pena minima. Vediamo di quale disturbo si tratta e quale sentenza potrebbe ricevere in tal caso. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Auto, nuovo obbligo nel 2024: il cambiamento è epocale

Leggi anche: Papa Francesco malato: di cosa soffre il Papa e quali sono i sintomi

giulia filippo scomparsi 1 683x1024

Filippo Turetta potrebbe avere un disturbo narcisistico della personalità: quali sono i sintomi

Il killer di Giulia Cecchettin potrebbe ottenere l’infermità mentale a causa del disturbo narcisistico della personalità. Di cosa si tratta? Secondo il sito Medscape, per una diagnosi i pazienti devono presentare almeno 5 dei seguenti sintomi:

  • esagerata e infondata sensazione della propria importanza e dei propri talenti;
  • preoccupazione con fantasie di successi senza limiti, influenza, potere, intelligenza, bellezza, o amore perfetto;
  • convinzione di essere speciali e unici e di doversi associare solo a persone di un certo livello;
  • bisogno di essere ammirati incondizionatamente;
  • sensazione di privilegio;
  • sfruttamento degli altri per raggiungere i propri obiettivi;
  • mancanza di empatia;
  • invidia degli altri e convinzione che gli altri li invidino;
  • arroganza e superbia.

Saranno una serie di visite psichiatriche a stabilire se Filippo Turetta soffra di tale disturbo. E se così fosse, cambierebbe notevolmente la pena da scontare. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Jannik Sinner, arriva rivelazione clamorosa della madre

Leggi anche: Baba Vanga, l’inquietante profezia sull’Italia: “Quando sarà invasa”

giulia trovata morta 683x1024

Filippo Turetta, le ipotesi sulla pena

Grazie alle indagini che continuano sul caso della morte di Giulia Cecchettin e dagli interrogatori di Filippo bisognerà capire se all’accusa di omicidio si possano assegnare anche delle aggravanti. Se si scoprisse che Filippo ha premeditato il delitto, otterrebbe l’ergastolo. Ma l’omicidio potrebbe anche essere preterintenzionale, nel caso ad esempio, in cui l’uccisione sia avvenuta per una lite improvvisa. Se così fosse, Filippo Turetta rischierebbe una pena minima di 10 anni che può essere scontata fino a 7 anni per buona condotta. Ma c’è anche un caso peggiore. (Continua dopo le foto)

filippo turetta 683x1024

Cosa succede se a Filippo viene riconosciuta l’infermità mentale

Se Filippo ottenesse la semi infermità mentale a causa del disturbo narcisistico della personalità, sconterebbe una pena di 7/8 anni, scontabile in soli 4/5 anni per buona condotta. Questo sarebbe un duro colpo per la famiglia Cecchettin visto che l’assassino uscirebbe di prigione già nel 2030.