Vai al contenuto

Europei U21, l’Italia ci spera: Tonali la stella, occhio a Miretti e Colombo

Europei U21, l’Italia ci spera: Tonali la stella, occhio a Miretti e Colombo

L’Italia U21 può puntare in alto nei prossimi Europe U21: Nicolato punta su Tonali, occhi puntati anche su Colombo, Miretti e Carnesecchi

C’è molto fiducia per la nostra Italia Under 21, impegnata nelle prossime settimane nell’Europeo di categoria. I segnali sono positivi, così come il valore della rosa, che questa volta lascia ben sperare per arrivare in fondo alla competizione. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

GettyImages 1499050156 1200x800 1024x683
TIRRENIA, ITALY – JUNE 16: Players of Italy U21 prepare before the Italy U21 team photo shooting at Centro di Preparazione Olimpica on June 16, 2023 in Tirrenia, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Nicolato fiducioso per i suoi Azzurrini

“Abbiamo qui i giocatori migliori che potevamo avere, anche se li abbiamo avuto tardi rispetto alla Francia, che ci ha lavorato sempre da almeno due anni” ha dichiarato ct Nicolato in conferenza stampa. Gli Azzurrini non sono i favoriti sulla carta, ma sicuramente possono giocarsi le proprie possibilità anche contro nazionali più forti come la Francia. L’esordio contro i transalpini ci dirà di più sul reale valore della nostra selezione, inserita nel girone insieme anche a Nigeria e Svizzera.

Leggi anche: Mancini riparte dal trio Frattesi, Dimarco e Chiesa

Leggi anche: Pugno duro della UEFA: 4 giornate a Mourinho, maxi multa alla Roma

Giovani ma con tanta esperienza

La stella della squadra è sicuramente Sandro Tonali, finito nelle ultime ore nel mirino del Newcastle con un’offerta mostruosa per il Milan (si parla di 60 milioni di euro sul piatto). Ma il rossonero non è l’unico talento di fama internazionale: occhi puntati anche su Gnonto, già nel giro di Mancini, e su Carnesecchi, portiere con un grande futuro probabilmente in un una big (per ora è dell’Atalanta, in prestito alla Cremonese). Ci sono poi dei ragazzi già con tanta esperienza, come Miretti della Juventus, Bellanova dell’Inter o Colombo appena ritornato al Milan. Ancora una volta l’Atalanta conferma un grande vivaio, fornendo una base alla squadra italiana nel prossimo Europeo, vedi Scalvini, Cambiaghi e Okoli solo per citarne alcuni.

Argomenti