x

x

Vai al contenuto

Boom di morti in Italia, la tremenda notizia su Luglio: cos’è successo

Boom di morti in Italia, la tremenda notizia su Luglio: cos’è successo

Il mese di luglio è stato letteralmente infernale. Lo dicono i meteorologi e soprattutto lo attesta il numero di morti. È stato il mese più caldo di sempre, mai raggiunte vette di temperatura così alte. Il calore ovviamente provoca morte, soprattutto negli anziani. E così il numero di morti, soprattutto in alcune regioni del Centro-Sud, è cresciuto a dismisura. (Continua…)

Leggi anche: Meteo, le previsioni di Mario Giuliacci: dove torna l’incubo in Italia

Leggi anche: Meteo, il duro avvertimento del meteorologo fa gelare il sangue nelle vene

Morti per il caldo in Italia

Ogni anno, durante l’estate, in Italia si registrano molti morti, soprattutto tra gli anziani, a causa del caldo eccessivo. Quest’anno il tasso di mortalità è addirittura aumentato. La causa principale è stato il calore che si è letteralmente abbattuto sul nostro paese nel mese di luglio. È stato il mese più caldo di sempre e il numero dei morti è salito a dismisura, soprattutto in alcune città del Centro-Sud.

A risentirne di più, come abbiamo già detto, sono gli anziani: dal 1° luglio al 4 agosto si è registrato un eccesso di mortalità nelle città del Centro-Sud di oltre 500 decessi negli anziani, pari a +9% rispetto all’atteso. (Continua…)

Leggi anche: Meteo, la pessima notizia per milioni di italiani: ci sarà da patire

Leggi anche: Meteo in Italia, l’annuncio da brividi di Giuliacci: ecco cosa accadrà nei prossimi giorni

Morti per il caldo in Italia: le regioni colpite

Il sito del ministero ha pubblicato un rapporto che analizza i dati di mortalità aggiornati al 4 agosto ed indica anche in quale regioni ci sono stati maggiori incrementi di morte. Il dato è aumentato soprattutto a Reggio Calabria (+61%) e nelle città della Sicilia “dove, in concomitanza con le condizioni di rischio climatico, si sono registrati incrementi dell’inquinamento atmosferico associato agli incendi che hanno interessato diverse aree», spiega il report sottolineando «un possibile effetto sinergico delle elevate temperature e dell’inquinamento sull’incremento della mortalità totale, cardiovascolare e respiratoria nelle fasce più vulnerabili della popolazione”.

Divario tra Nord e Sud

Nel rapporto ovviamente è evidente anche un netto divario tra Nord e Sud. Il mese di luglio, però, è stato altrettanto infernale per le regioni del Nord. Se al Sud imperversava il caldo africano, al Nord i temporali hanno provocato grossi danni e in alcuni casi anche morti. I morti per il caldo, però, sono sicuramente minori rispetto alle città del Centro-Sud.