Vai al contenuto

Arsenal, Jorginho torna al gol su rigore dopo tre errori di fila con la Nazionale

Arsenal, Jorginho torna al gol su rigore dopo tre errori di fila con la Nazionale

Jorginho è tornato con successo da dischetto dopo tre errori consecutivi con la maglia della Nazionale (l’ultimo con la Macedonia del Nord). L’Arsenal porta più fortuna al centrocampista, che ha realizzato contro il Lens il suo primo gol su rigore con l’Arsenal. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: La carica di Alcaraz: “Sarà un 2024 pieno di energia e vittorie”

Leggi anche: Mourinho ironizza sul campo e sugli agronomi del Servette

Jorginho
Jorginho in campo con la maglia della Nazionale italiana in Nations League

Jorginho non si è voluto arrendere alle recenti difficoltà dal dischetto e con la maglia del suo Arsenal è tornato a realizzare un gol dagli undici metri. Evitando il saltello durante la rincorsa, l’ex centrocampista del Chelsea ha realizzato il rigore nella vittoria dei Gunners in Champions League contro il Lens.

Una rete che scrolla di dosso diverse ansie, visto che è arrivata dopo tre errori consecutivi in Nazionale (l’ultima nel match contro la Macedonia del Nord). Fino a due anni fa l’azzurro era considerato unanimemente uno dei migliori specialisti al mondo.

Il rapporto con i calci di rigore

Quello tra Jorginho e i calci di rigore è un rapporto particolare. All’improvviso infatti il centrocampista si è ritrovato a sbagliare tre realizzazioni consecutive con la Nazionale e questo dopo averne messi a segno cinque di fila. Tre errori su otto tentativi vuol dire il 37,5% del totale: una cifra piuttosto elevata che è in netto contrasto con i numeri invece ricavati dalla sua esperienza con i club.

Sono infatti solamente 5 gli errori su 42 tiri totali, ovvero solo l‘11,9% di errori. Il motivo della discrepanza tra i due dati è da ricercarsi in un fattore psicologico ed emozionale piuttosto che in matrici di tipo tecnico o esecutivo. Con la Nazionale Jorginho dovrà dunque recuperare la serenità che con i club non ha mai cessato di conservare.