x

x

Vai al contenuto

Allegri: “Non rifiutiamo la parola Scudetto”

Allegri: “Non rifiutiamo la parola Scudetto”

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida che vedrà la sua Juventus affrontare il Verona nell’anticipo serale della Serie A. Il tecnico toscano si è soffermato dapprima sul successo importante ottenuto dai suoi contro il Milan a San Siro la scorsa settimana: “La gara di San Siro le motivazioni te le dà da sola, quindi domani non dobbiamo cadere nella presunzione che sarà tutto facile”.

Leggi anche: Chiesa ritorna a disposizione di Allegri per il Milan

Leggi anche: Juventus, Allegri: “Su Chiesa devo ancora decidere. Milan tra le favorite”

L’arrabbiatura contro il Milan

Allegri ha anche sottolineato come la sfida contro il Milan non sia stata eccelsa dal punto di vista tecnico ma che sia stata giocata con equilibrio dalla sua Juventus, capace di concedere poco agli avversari sbagliando però occasioni per chiudere la partita. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Juventus
Federico Chiesa festeggia con Dusan Vlahovic dopo aver segnato un gol durante la partita di calcio di Serie A tra Juventus e Lazio allo Juventus stadium. Torino (Italia), 16 settembre 2023. (Foto di Federico Tardito/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Rosa giovane e inesperta

Il tecnico bianconero si è anche soffermato su un paragone tra la rosa della passata stagione e quella di quest’anno:  “L’anno scorso c’erano giocatori di grande esperienza, quest’anno abbiamo giocatori giovani, che hanno voglia e si mettono a disposizione”. Allegri ha anche ammesso di non voler considerare la classifica al momento aggiungendo come le gare contro le così dette “piccole” rappresentino l’insidia più grande per i Top club che ambiscono a posizionarsi tra le prime quattro a fine stagione.

La parola Scudetto si può dire

Sul recupero di Vlahovic e Chiesa Allegri si è detto fiducioso: “Stiamo tutti bene. Chiesa è rientrato dopo tre settimane di non allenamento, ha fatto una buona settimana, Vlahovic era già più avanti”. E riguardo alle considerazioni sullo Scudetto il tecnico bianconero non si è tirato indietro: “Nessuno ricaccia la parola, ma occorre essere realisti” aggiungendo come questa Juve debba lavorare sul quotidiano per garantirsi un roseo futuro.

Argomenti