Vai al contenuto

Infarto fatale, Aldo muore così: il sintomo era banale

Infarto fatale, Aldo muore così: il sintomo era banale

Varie. Aldo Tomasella, tra i soci fondatori del Calcio San Vendemiano di Treviso, è morto a causa di un terribile infarto. Scopriamo insieme i dettagli di questa orribile tragedia cha ha colpito l’ex calciatore. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Matteo muore improvvisamente a soli 10 anni: cos’è successo

Leggi anche: Fleximan, cosa rischia adesso: i reati e le pene per chi abbatte gli autovelox

Aldo Tomasella

Aldo Tomasella, addio al fondatore del Calcio San Vendemiano

Aldo Tomasella era tra i soci fondatori del Calcio San Vendemiano di Treviso. L’ex calciatore è morto a causa di un infarto improvviso. L’uomo è deceduto mentre si trovava in ospedale per dei controlli, quando è stato stroncato da un infarto. Tomasella è nato a San Fior, un comune in provincia di Treviso. Aveva settantasei anni ed abitava a Zoppè di San Vendemiano. L’ex fondatore del Calcio San Vendemiano aveva iniziato ad accusare dei dolori alla schiena da alcuni giorni, e lunedì 22 gennaio 2024 si era fatto accompagnare all’ospedale di Vittorio Veneto dal fratello Mariano per poter effettuare alcuni accertamenti. Purtroppo, durante la visita svolta dal medico, l’uomo è stato colpito dell’attacco fatale, avvenuto improvvisamente. I soccorsi immediati da parte del personale ospedaliero e i tentativi di rianimazione sono stati inutili. (Continua a leggere dopo la foto)

Aldo Tomasella

Aldo Tomasella, la passione del calcio

Aldo Tomasella è morto all’età di settantasei anni a seguito di un infarto improvviso. L’uomo si trovava in ospedale con il fratello, che lo aveva accompagnato per svolgere alcuni accertamenti, in seguito a dei dolori alla schiena che l’ex calciatore aveva iniziato ad accusare da qualche giorno. Purtroppo, nonostante i tentativi di rianimazione da parte dei medici, non c’è stato nulla da fare. Tomasella aveva iniziato a lavorare all’età di quattordici anni in un’azienda di San Vendemiano, acquisendo la passione per la lavorazione del ferro battuto che lo ha fatto diventare un esperto, realizzando persino gli arredi della chiesa di San Vendemiano. Nel 1972 ha fondato, con i fratelli Luigi e Mariano, un’attività nel settore metalmeccanico, la C.M.T – Costruzioni Metalmeccaniche Tomasella. L’attività ha concesso di creare molti di posti di lavoro per le persone del territorio, sviluppando, inoltre, diverse innovazioni che hanno trovato applicazione alla Sipa, la società di industrializzazione, progettazione e automazione di Vittorio Veneto. Aldo è stato anche tra i soci fondatori della società calcistica San Vendemiano. L’impegno era iniziato come calciatore, l’uomo era stato soprannominato Garrincha per la sua velocità e il fisico scattante. Successivamente, Aldo Tomasella è diventato dirigente e accompagnatore della società calcistica. (Continua a leggere dopo la foto)

Aldo Tomasella

Aldo Tomasella e Villa Liccer

Aldo Tomasella è morto a causa di un infarto improvviso. Nonostante i tentativi di rianimazione dei medici, è stato tutto impossibile per evitare la tragica fine. L’uomo si trovava in ospedale con il fratello per svolgere alcuni accertamenti. L’ex calciatore e fondatore della società calcistica San Vendemiano, si era anche impegnato per la valorizzazione e riqualificazione di Villa Liccer di Castello Roganzuolo, dove l’uomo era nato. La Villa era stata acquistata dal comune di San Fior che si era occupato anche di creare l’iniziativa “Villa Liccer Le nostre radici”, con lo scopo di recuperare la tradizione orale. Aldo Tomasella non si era mai sposato ed ha lasciato in un profondo dolore i fratelli Luigi e Mariano, i nipoti Alberto, Marco, Vittorio, Maria Cristina, Stefania e Massimo e tanti amici. Sono ancora da definire la data del funerale e in attesa dell’esame autoptico che verrà eseguito a Treviso.

Argomenti