Vai al contenuto

Alberto Scagni uccise la sorella Alice: cosa gli hanno fatto i detenuti in carcere

Alberto Scagni uccise la sorella Alice: cosa gli hanno fatto i detenuti in carcere

Alberto Scagni è stato condannato a 24 anni e 6 mesi di reclusione per l’omicidio della sorella Alice, compiuto il primo maggio 2022 a Genova. Adesso, proprio dal carcere, arriva una notizia sconvolgente: ecco che cosa gli hanno fatto gli altri detenuti. (Continua…)

Leggi anche: Giulia Cecchettin, giallo sulla denuncia: cosa ha scoperto “Chi l’ha visto?”

Leggi anche: Emilio Fede, la tremenda notizia per lui: cosa ha deciso il tribunale

scagni alberto 683x1024

La vicenda giudiziaria di Alberto Scagni

Alberto Scagni il primo maggio 2022 ha ucciso la sorella 34enne Alice a coltellate sotto casa, nel quartiere Quinto di Genova. Prima di questo terribile episodio, i genitori di Scagni avevano chiesto l’intervento delle forze dell’ordine e il Trattamento sanitario obbligatorio alla Salute Mentale. Per l’omicidio della sorella, Scagni è stato condannato a 24 anni e 6 mesi ed è stato riconosciuto come “seminfermo di mente”. Per la Pm Paola Crispo, però, Scagni era da considerarsi assolutamente capace di intendere e di volere nonostante la certificazione dei suoi disturbi psichiatrici e le frasi sconnesse pronunciate prima e dopo l’omicidio della sorella. (Continua…)

Leggi anche: Spettacolo in lutto, la famosa attrice è stata uccisa

Leggi anche: Auto esplode sul ponte: “Una palla di fuoco”, il bilancio

scagni 1 683x1024

Cos’è successo in carcere

È notizia dell’ultima ora che Alberto Scagni è stato tenuto in ostaggio e torturato per ore fin quasi alla morte da altri detenuti nel carcere di Valla Armea. Scagni è stato salvato solo grazie all’intervento dei poliziotti della Polizia Penitenziaria, che hanno allontanato i due aggressori, entrambi di origine marocchina. L’avvocato ha detto che Scagni è stato colpito al volto con sgabelli e poi ha aggiunto: “È la seconda aggressione in pochi giorni“. (Continua…)

scagni 683x1024

Dove si trova adesso

In seguito all’aggressione subita nel carcere di Valla Armea, Alberto Scagni è stato trasportato all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, dove ora è ricoverato in condizioni gravi. I due detenuti di origine marocchina, infatti, hanno torturato Scagni fino a quasi ad ucciderlo. Ci vorranno dunque alcuni giorni per riprendersi, ma fortunatamente gli agenti della Penitenziaria sono riusciti a salvargli la vita.