x

x

Vai al contenuto

Ten Haag punisce lo United con una “tortura”

Ten Haag punisce lo United con una “tortura”

Erik ten Hag, allenatore del Manchester United, ha reagito duramente dopo il 3-0 subito nel derby contro il Manchester City di Pep Guardiola. Il tecnico olandese ha obbligato i suoi giocatori a restare nello spogliatoio e a sentire i festeggiamenti dei rivali cittadini, in un gesto di punizione e di stimolo.

Leggi anche: Il City vince 3-0 il derby: doppietta di Haaland e United k.o

Leggi anche: Premier League: il City vince sempre. Newcastle 8-0

Sconfitta nel derby di Manchester

Il Manchester United vive un momento critico in campionato, dove è ottavo con 15 punti e ha già perso cinque partite su dieci. Il derby è stata l’ultima prova negativa dei Red Devils, che non sono riusciti a opporsi al dominio dei Citizens, guidati da una doppietta di Haaland e da un gol di Foden. Ten Hag ha voluto far capire ai suoi giocatori la gravità della sconfitta e li ha costretti a stare in silenzio nello spogliatoio per ascoltare la festa del City dall’altra parte del tunnel. Un modo per far loro capire che devono migliorare e reagire.

Ma non è finita qui: Ten Hag ha anche cancellato il giorno di riposo extra che aveva promesso in caso di vittoria e ha richiamato tutti in campo per preparare le prossime sfide. Inoltre, ha assegnato a ogni giocatore dei compiti per casa: un video personalizzato con tutti gli errori commessi durante il derby, da studiare attentamente per evitare di ripeterli. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Haaland
Erling Haaland del Manchester City segna il secondo gol della squadra durante la partita di Premier League tra Manchester United e Manchester City all’Old Trafford il 29 ottobre 2023 a Manchester, Inghilterra. (Foto di Catherine Ivill/Getty Images)

United di ten Hag in crisi

Ten Hag sa che l’ottavo posto non è un risultato accettabile per il Manchester United e spera che i suoi metodi possano portare a una svolta. Il tecnico olandese è arrivato nell’estate 2022 prendendo il posto di Solskjaer con l’obiettivo di riportare lo United ai vertici, ma finora non ha convinto.

Argomenti