x

x

Vai al contenuto

Quagliarella annuncia il ritiro dal calcio: “Sono in condizioni fisiche inaccettabili”

Quagliarella dà l'addio alla Sampdoria al Maradona

Fabio Quagliarella ha annunciato ufficialmente di aver detto addio al calcio giocato. In una breve intervista a Sky l’ex attaccante della Sampdoria ha confermato l’intenzione di appendere gli scarpini al chiodo. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Milan, Pioli studia due formazioni per Fiorentina e Borussia Dortmund

Leggi anche: GP Las Vegas: vince Verstappen, Leclerc secondo con una prodezza

Fabio Quagliarella saluta i tifosi al Maradona di Napoli
Quagliarella commosso viene applaudito anche dai giocatori napoletani (Photo by Simone Arveda/Getty Images)

Fabio Quagliarella si ritira dal calcio giocato, la conferma è arrivata dal giocatore stesso, che intervenuto nel corso dello speciale di Sky Sport sul derby di Genova ha così dichiarato: “Sì per forza, sono costretto. Può darsi che arriva qualcosa ma, sono in condizioni fisiche inaccettabili per scendere in campo adesso”.

Sugli obiettivi futuri invece l’ex attaccante della Sampdoria ha così dichiarato: “Sicuramente i sogni ci devono sempre essere, uno è poter restare nel mondo del calcio e capire il ruolo che mi si addice. Ma abbiamo tutto il tempo per capire che strada intraprendere”.

La carriera di Quagliarella

Quagliarella ha fatto il suo esordio in Serie A nel lontano 14 maggio del 2000: la maglia era quella del Torino e l’avversario il Piacenza, all’ultima giornata di campionato. Sono otto le maglie diverse che l’attaccante campano ha vestito in carriera.

Dai prestiti a Firenze e Chieti, passando per la sua annata con l’Ascoli e poi le esperienze della maturità con Sampdoria, Udinese, Napoli, Juve, ancora Torino e per finendo di nuovo con i blucerchiati. In oltre 550 presenze in Serie A sono ben 182 le reti totali segnate da Quagliarella, che ha anche vinto tre Scudetti e due Supercoppe italiane. Con la Nazionale ha collazionato 8 gol in 29 partite: il debutto nel 2007, mentre l’ultima apparizione nel giugno 2019.

Argomenti