x

x

Vai al contenuto

Patatine, scatta il maxi richiamo: l’elenco

Patatine, scatta il maxi richiamo: l’elenco

Il Ministero della Salute ha diramato una nuova allerta alimentare per rischio chimico. Ritirati dal mercato un intero lotto di patatine del famoso marchio. Pare che al suo interno conterrebbero una sostanza potenzialmente pericolosa per la salute.

Leggi anche: “È dannoso, soprattutto per le donne”: Viola avverte gli italiani, poi la replica di Bassetti

Leggi anche:  Tragedia in tangenziale, motociclista viene catapultato nella corsia opposta

patatine

Patatine, scatta il maxi richiamo

Maxi richiamo di patatine pubblicato nell’apposita sezione del sito del Ministero della Salute. Sono stati infatti ritirati tutti i lotti del marchio di patatine “Jack&Jill” che si trovano in commercio in diverse confezioni ma anche con gusti differenti. Come si legge su FanPage, Conterebbero una sostanza potenzialmente pericolosa per la salute. Da quanto evince,  gli operatori hanno segnalato il ritrovamento di un additivo “non ammesso“. Si tratta quindi di un richiamo per rischio chimico. Le patatine sono prodotte dall’azienda Universal Robina Corporation una società che ha sede a Quezon City, nelle Filippine. In Italia, invece, i prodotti sono stati commercializzati dalla Fresch Tropical Srl by Jaward. Va sottolineato  che i lotti contaminati sono praticamente tutti, senza alcuna distinzione neanche sulle date di scadenza, continua il sito prima citato. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Aereo precipita nel giardino di un’abitazione: ci sono morti

L’elenco delle patatine a rischio

La tipologia e i gusti nomi dei prodotti ritirati sono i seguenti: PH Chips J&J Piattos Cheese 50x82GJ&J Piattos Nacho Pizza 50x85GPH Chips J&J MrChips Nacho Cheese 50x100g e PH Chips J&J Nova Country Cheddar 50x78g. Tutti i lotti di questi prodotti sono stati ritirati. E, inoltre, tutte le date di scadenza delle confezioni appartenenti a questi lotti sono state interessate dal richiamo. Tutti i richiami sono stati effettuati per la presenza di un additivo non ammesso e, dunque, illegale. Per quanto non sia stato specificato il tipo di additivo, questo è, probabilmente, pericoloso per la salute umana. Gli operatori hanno, in effetti, avvisato i consumatori di non consumare i prodotti acquistati, e di riportarli indietro al negoziante.