Vai al contenuto

Panchina d’Oro a Spalletti: “Un premio che mi impone di migliorare ancora”

Panchina d’Oro a Spalletti: “Un premio che mi impone di migliorare ancora”

Luciano Spalletti ha vinto la Panchina d’Oro relativa alla stagione 2022/2023. Si tratta della seconda in carriera dopo quella del 2004/2005 da allenatore dell’Udinese. “Questo premio mi impone di migliorare ancora“. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Sinner: “Sto realizzando la vittoria. Federer il mio modello”

Leggi anche: Un Napoli inconcludente, i dati sull’attacco fanno riflettere

Spalletti con l'Italia
Luciano Spalletti dirige gli allenamenti degli Azzurri (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Luciano Spalletti ha vinto la Panchina d’Oro relativa alla stagione 2022/2023. Si tratta della seconda in carriera dopo quella del 2004/2005 da allenatore dell’Udinese, dunque 18 anni dopo. Un riconoscimento soddisfacente per il tecnico toscano, vincitore con il Napoli del terzo storico scudetto della storia partenopea. Queste le dichiarazioni del commissario tecnico della Nazionale a margine della premiazione:

In cosa sono migliorato? Non saprei, ma mi sono sempre svegliato presto la mattina e alzato dal letto. Sono andato a vedere i colleghi da cui ho imparato tanto e ho dedicato molto tempo al calcio. La chiave d’accesso è essere in evoluzione continua, sistemare cose fatte da altri e metterle nelle caselle giuste. Dobbiamo mettere i giocatori a proprio agio ma noi non vinciamo niente, sono loro che buttano la palla dentro. Vincere ancora? Le mie sono già troppe, spero che in futuro possano vincerle i miei colleghi. Questo premio mi impone di migliorare ancora“.

Ringraziamento a Napoli

Spalletti ha espresso gratitudine nei confronti di coloro che gli hanno permesso di vincere, inclusi i giocatori, il direttore Giuntoli, i suoi collaboratori, la società con a capo il presidente De Laurentiis, e naturalmente la città con tutti i tifosi. Ha condiviso che durante il video della premiazione si è emozionato nel rivedere le immagini dello scorso anno, descrivendo l’evento come una festa senza confini in cui tutti hanno partecipato.

Argomenti