Vai al contenuto

Milan, Furlani: “Contro il Borussia con un uomo in più: i nostri tifosi”

Milan, Furlani: “Contro il Borussia con un uomo in più: i nostri tifosi”

L’amministratore delegato del Milan Giorgio Furlani ha parlato a poche ore di distanza dal match di Champions League contro il Borussia Dortmund, decisivo per la qualificazione agli ottavi di finale. “Sono convinto che la giocheremo con un uomo in più, cioè il nostro pubblico. Ottavi di enorme importanza sportiva“. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Magic Maignan, Adli svela un retroscena sull’ultima gara

Leggi anche: Napoli da record: ricavi da quasi 80 milioni di euro

Pioli Furlani
Stefano Pioli riceve un premio da Giorgio Furlani, Ceo del Milan, per le sue 200 panchine con il Milan prima di un allenamento a Milanello il 27 ottobre 2023 a Cairate, Italia. (Foto di Giuseppe Cottini/AC Milan via Getty Images)

Le parole di Furlani

Una buona fetta della qualificazione agli ottavi di Champions League del Milan passerà attraverso il match di questa sera a San Siro, in programma alle 21:00 contro il Borussia Dortmund.

A poche ore di distanza dalla partita, l’amministratore delegato rossonero Giorgio Furlani ha parlato dell’importanza dell’appuntamento: “È una partita importantissima e sono convinto che la giocheremo con un uomo in più, cioè il nostro pubblico. Si parla tanto del muro giallo di Dortmund, ma noi abbiamo quello rossonero. Gli ottavi sarebbero di enorme importanza sportiva, il grande Milan si è fatto in Europa“.

Le parole di Scaroni

Intervenuto durante ‘Sport Industry Talk’, anche Paolo Scaroni ha parlato della necessità per il club rossonero di centrare l’obiettivo qualificazione. Il presidente rossonero ha dichiarato che desidererebbe vincere tutte le partite e che prova sofferenza sia prima che durante le partite.

Ha sottolineato che la partecipazione continua alla Champions League è essenziale per il Milan, motivata sia da ragioni economiche che dal desiderio di soddisfare i 500 milioni di tifosi nel mondo. Inoltre, ha aggiunto che, sebbene vincere lo scudetto sarebbe motivo di grande soddisfazione, l’obiettivo minimo è mantenere la qualificazione alla Champions League.