x

x

Vai al contenuto

Delusioni Europa League e Conference, il terzo tentativo è dell’Inter

Delusioni Europa League e Conference, il terzo tentativo è dell’Inter

Dopo le sconfitte di Roma e Fiorentina rispettivamente in Europa League e Conference, l’Inter proverà a portare un trofeo in Italia in questa stagione

Ci si riprova per la terza volta

Considerando il nutrito numero di squadre italiane giunte nelle fasi finali delle competizioni europee, sarebbe un beffa non portare nemmeno una coppa a casa. Il Napoli campione d’Italia si è fermato ai quarti di finale di Champions, la Juve è stata eliminata dal Siviglia in semifinale di Europa League. Poi è uscito il Milan nel derby e Roma e Fiorentina hanno fallito il colpo grosso in finale.

Rimane solo l’Inter a portare avanti la bandiera italiana nella finalissima contro il Manchester City. Istanbul non porta bei ricordi per via della sconfitta del Milan in finale contro un’altra inglese, il Liverpool del 2005. I nerazzurri hanno la possibilità di tingere d’azzurro la città turca, magari battendo proprio un club di Premier League. La Champions League manca in Italia dal lontano 2010, quando fu Mourinho a trionfare a Madrid contro il Bayern Monaco. Poi un lungo digiuno interrotto solo dallo stesso portoghese l’anno scorso con la Roma in Conference.

Leggi anche: I gioielli dell’Italia Under 20 e i rimpianti dei club italiani

Leggi anche: Inzaghi vs Guardiola, due modi opposti di vedere il calcio

Nuova linfa per il calcio italiano

Una vittoria dell’Inter rimetterebbe il nostro paese di nuovo sotto i riflettori, anche perché la squadra di Guardiola viene considerata forse la più forte al mondo al momento. Inoltre anche il ranking UEFA tornerebbe a sorridere alla Serie A e porterebbe Simone Inzaghi in prima fascia al prossimo sorteggio. La ciliegina sarebbe la vittoria dell’Italia Under 20 al Mondiale di categoria, un rilancio vigoroso al movimento calcistico italiano. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Filippo Inzaghi, head coach of FC Internazionale Milano speaks to the media during his team’s press conference as part of the events associated with the International Malta Friendlies 2022, at the Malta Fairs & Conventions Centre, on 06 December 2022 at Ta’ Qali, Malta. (Photo by Domenic Aquilina/NurPhoto via Getty Images)

Differenze quasi incolmabili

Non va però dimenticato il divario tra l’Inter e il Manchester City dal punto di vista degli introiti. Nessuna italiana è in grado di competere sullo stesso livello delle inglesi e delle spagnole che fatturano centinaia di milioni in più da diritti televisivi e sponsor. Per fare un esempio, il valore degli acquisti nerazzurri è praticamente pari ai soldi spesi dagli sceicchi per uno dei tanti big della rosa di Guardiola. Nessuno degli uomini di Inzaghi è stato acquistato per 60 milioni come Stones e Laporte o 117 milioni come Grealish. Un’eventuale vittoria interista non cambierebbe comunque i problemi strutturali del calcio italiano che deve trovare nuove soluzioni per competere ad alti livelli.

Argomenti