Vai al contenuto

Lazio, Sarri: “L’Inter è più forte, ma noi ce la giochiamo”

Lazio, Sarri: “L’Inter è più forte, ma noi ce la giochiamo”

Il tecnico biancoceleste Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa il giorno della vigilia della semifinale di Supercoppa Italiana contro l’Inter. “Inter anche tra i più forti d’Europa, abbiamo massimo 25-30% di chance ma ce le giocheremo in maniera cattiva”. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Torino, Cairo chiude le porte al Milan: “Buongiorno non è in vendita”

Leggi anche: La Juve non molla l’Inter: 3-0 al Sassuolo e Vlahovic show

Sarri indica la posizione ai giocatori
Nervosismo per Sarri con i propri giocatori (Photo by Elianto/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Domani 19 gennaio – alle ore 20:00 – andrà in scena la seconda semifinale di Supercoppa Italiana tra Inter e Lazio. La vincente affronterà la squadra che uscirà vittoriosa questa sera dal match tra Napoli e Fiorentina. Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match, il tecnico biancoceleste Maurizio Sarri ha presentato così la partita:

Non mi piace il format della Supercoppa? L’ho detto, ma non per questo dobbiamo essere demotivati. Saremo motivati. Sfidiamo la squadra più forte d’Italia e tra le più forti d’Europa. Le possibilità non sono oltre il 25-30%, ma ci dobbiamo giocare quelle in maniera cattiva. Firmare per i rigori? Nella mia vita non ho mai firmato neanche una cambiale. Loro sono più forti ma noi ce la giochiamo“.

Un trofeo importante

Sarri ha dichiarato che tutti i trofei portano soddisfazione, sia per il gruppo squadra, lo staff che per la società. Ha però fatto una distinzione tra i trofei che risolvono anche la parte economica della società e quelli che non lo fanno.

L’Arabia Saudita

L’arrivo di nomi importanti ha scatenato interesse. A livello di sviluppo della parte tecnica è tutta da vedere. Sicuramente i big possono aiutare ma, in passato, tanti big non hanno comunque fatto esplodere leghe come quella americana. Gli auguro che il loro campionato si evolva, c’è più interesse anche se in Europa non penso sia così seguito“.

Argomenti