x

x

Vai al contenuto

Ladri assaltano un villetta di due anziani e fanno a botte col figlio: cos’hanno fatto la nipote

Ladri assaltano un villetta di due anziani e fanno a botte col figlio: cos’hanno fatto la nipote

Un fatto sconcertante si è verificato ieri in una villetta in Veneto. Un gruppo di tre ladri assaltano una villetta, ma sono stati sorpresi dal figlio e dal nipote di una coppia di anziani che ci abitano. In quel momento è partita una colluttazione, nel quale sono partiti colpi di pistola.

Leggi anche: Distrugge casa e minaccia la moglie: poi la terribile reazione con gli agenti di polizia

Leggi anche: Alfio Torrisi, morto in crociera: l’indagine e l’agghiacciante scoperta sul corpo

Ladri assaltano un villetta

Coperti da passamontagna, tre ladri si sono introdotti in un’ abitazione di Caʼ Ballarin, frazione di Cavallino Treporti, sul litorale di Venezia. trovando i nonni di famiglia. E proprio la nonna, alla vista dei malviventi, si è messa a urlare, venendo poi bloccata da uno dei ladri. Le urla hanno richiamato l’attenzione dei familiari al primo piano: padre, madre e figlio. La madre, accorsa per capire cosa stesse succedendo, è stata a sua volta bloccata. Le sue grida hanno richiamato il marito e il figlio. Quest’ultimo ha avuto la fermezza di affrontare gli aggressori per proteggere i suoi cari, ma uno di loro ha sparato un colpo di pistola, ferendo l’uomo alla gamba. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Laura, incinta all’ottavo mese muore dopo un malore: poi la brutta notizia sul bimbo

ladri assaltano

La fuga

Alberto Biondo è stato trasferito all’ospedale di Mestre in elisoccorso dopo che un proiettile ha colpito il suo ginocchio. Il padre Maurizio,invece, è stato trasportato al Pronto Soccorso di Jesolo per accertamenti: i ladri lo hanno colpito, presumibilmente con il calcio della pistola e preso a pugni. I furfanti volevano sicuramente depredare l’abitazione e non si aspettavano di trovare la famiglia al completo ad accoglierli. Dopo la sparatoria i ladri si sono dati alla fuga, veloce, con un’auto ritrovata poco dopo a Ca’ Ballarin. E mentre si cerca di ricostruire la scena, la sindaca Roberta Nesto evidenzia: “In tutto il territorio del comune ci sono settanta telecamere di videosorveglianza a disposizione dei carabinieri. La casa, poi, è illuminata”. Sono, infatti, in corso le indagini da parte degli agenti che stanno cercando i personaggi di questa vicenda.