Vai al contenuto

Giulia Cecchettin, chi si è presentato ai funerali: tutti lo hanno notato

Giulia Cecchettin, chi si è presentato ai funerali: tutti lo hanno notato

Giulia Cecchettin, chi si è presentato ai funerali: tutti lo hanno notato – È appena terminato il funerale di Giulia Cecchettin nella Basilica di Santa Giustina a Padova. Il feretro si è avviato verso Saonara, dove alle 14 è prevista una cerimonia privata. Secondo quanto riportato dai principali quotidiani il corpo della giovane riposerà accanto alla mamma Monica, deceduta lo scorso anno a causa di una grave malattia. Oltre 10mila persone accorse ai funerali di Giulia Cecchettin: non soltanto gente comune ma anche esponenti della politica. A colpire tutti una particolare presenza, che non è passata inosservata. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Funerali di Giulia Cecchettin: il pensiero del vescovo per Filippo Turetta

Leggi anche: Giulia Cecchettin, dall’autopsia i dettagli orribili sull’omicidio

funerali giulia cecchettin 2 701x1024

Giulia Cecchettin, chi si è presentato ai funerali: tutti lo hanno notato

“Giulia era straordinaria, vivace, mai sazia di imparare. Oltre alla laurea, Giulia si è guadagnata ad honorem anche il titolo di mamma. Era diventata una combattente, tenace nei momenti di difficoltà”, comincia così il lungo messaggio letto da Gino Cecchettin alla fine del funerale della sua adorata figlia. “In questo momento di dolore e tristezza, dobbiamo trovare la forza di reagire, di trasformare questa tragedia in una spinta per il cambiamento. La vita di Giulia, la mia Giulia, ci è stata sottratta in modo crudele, ma la sua morte può, anzi, deve essere il punto di svolta per porre fine alla terribile piaga della violenza sulle donne. Grazie a tutti per essere qui oggi, che la memoria di Giulia ci ispiri a lavorare insieme per creare un mondo in cui nessuno debba mai temere per la propria vita”, ha aggiunto il padre di Giulia Cecchettin. Poi si è rivolto direttamente alla figlia: “Salutaci la mamma e aiutateci a sopravvivere a noi tre, me, Elena e Davide. Noi tre che siamo rimasti impareremo a muovere i passi di danza sotto questa pioggia. Grazie per questi 22 anni vissuti insieme, non so pregare ma so sperare. Voglio sperare che questa pioggia di dolore fecondi il terreno delle nostre vite e produca frutto di perdono e di pace”. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Funerali di Giulia Cecchettin, succederà oggi: lo straziante appello agli italiani

Leggi anche: Giulia Cecchettin, la notizia choc sui funerali

Gino Cecchettin 880x1024

Funerali di Giulia Cecchettin: chi era presente in Chiesa

Nella basilica di Santa Giustina a Padova, come dicevamo oltre 10mila persone. Tra questi 40 familiari stretti: in prima fila papà Gino, la sorella Elena e il fratello Davide. Poi 360 amici e conoscenti, tra cui i compagni e i docenti del fratello di Giulia Cecchettin. Presenti anche il ministro della Giustizia Carlo Nordio in rappresentanza del governo, ma anche vari parlamentari tra cui Antonio de Poli, Laura Boldrini, Alessandro Zan e Andrea Martella. C’erano il governatore del Veneto Luca Zaia, quello del Consiglio regionale Roberto Ciambetti, il sindaco di Padova Sergio Giordani, il presidente regionale Anci, Mario Conte, la rettrice dell’università Daniela Mapelli. Sui social non sono mancate le critiche al mondo della politica: “La presenza delle istituzioni al funerale di #giuliacecchettin è completamente inutile se come sempre, solo di rappresentanza. Giulia è morta anche per colpa dello Stato”, si legge. (continua a leggere dopo le foto)

funerali giulia 2 694x1024
funerali giulia 813x1024

Non è passata inosservata la presenza di Vincenzo Gualzetti

Durante il segno della pace in chiesa Gino Cecchettin si è avvicinato al ministro della Giustizia, Nordio, e al presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che l’hanno abbracciato calorosamente. A non passare inosservata la partecipazione ai funerali di Vincenzo Gualzetti, il papà di Chiara Gualzetti, uccisa a 15 anni, il 27 giugno 2021 nel parco dell’Abbazia di Monteveglio da un amico di 16 anni. «Giulia ha risvegliato dentro di e ciò che ho vissuto con mia figlia. La coltellata alla nuca di Giulia mi ha mandato fuori di testa, stessa modalità su mia figlia», ha dichiarato l’uomo ai giornalisti accorsi a Padova.