x

x

Vai al contenuto

Bonucci fa causa alla Juventus: i motivi

Bonucci fa causa alla Juventus: i motivi

Leonardo Bonucci, l’ex leader della Juventus, ha intrapreso un’azione legale contro il suo ex club. Questa mossa è stata scatenata dopo che Bonucci è stato rimosso dalla squadra, costringendolo a trasferirsi all’Union Berlino.

Leggi anche: Bonucci all’Union Berlino: domani le visite mediche

Leggi anche: Pogba positivo al doping: la Juventus lo sospende

Bonucci ha incaricato i suoi legali, Antonio Conte e Gabriele Zuccheretti, di procedere con l’azione legale prevista dal contratto collettivo. L’azione legale riguarda una richiesta di risarcimento per la mancanza di adeguate condizioni di allenamento e preparazione per Bonucci, che avrebbe subito danni professionali e di immagine.

Le accuse di Bonucci

Bonucci afferma di aver dovuto affrontare circostanze insolite per un professionista dopo essere stato escluso dalla squadra: ha dovuto allenarsi la sera in orari diversi da quelli della prima squadra e mai in presenza dello staff tecnico della stessa. Inoltre, non avrebbe avuto accesso a palestra, piscina e ristorante, che il club avrebbe reso inaccessibili o senza l’assistenza necessaria. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leonardo Bonucci
Leonardo Bonucci durante Juventus-Milan, Serie A. (Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Risarcimento in beneficenza

Qualsiasi somma derivante dall’azione legale sarà donata a Neuroland, un’associazione che sostiene le famiglie dei bambini ricoverati nel reparto di neurochirurgia pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, e Live Onlus, che acquista e dona defibrillatori attraverso aste di oggetti appartenuti a sportivi di alto profilo.

Per Bonucci, questa decisione non è una “guerra personale” contro la Juventus, ma una questione di principio legittimo da sostenere anche per tutti quei calciatori che si trovano periodicamente in situazioni simili e non hanno la possibilità o la forza di reagire.