x

x

Vai al contenuto

Alberto Castagna, il racconto choc della figlia Carolina: cos’è successo in ospedale

Alberto Castagna, il racconto choc della figlia Carolina: cos’è successo in ospedale

Le doti di giornalista e conduttore televisivo di Alberto Castagna hanno lasciato un’impronta indelebile nel cuore dei telespettatori. Tuttavia, dietro le luci dei riflettori e il carisma schermato, c’era una parte di Alberto Castagna che pochi conoscevano: il lato paterno, il rapporto con la figlia Carolina. Oggi, attraverso il racconto intimo e commovente di Carolina, possiamo gettare uno sguardo dietro le quinte e scoprire un aspetto diverso di questa figura pubblica amata da tutti.

Leggi anche: Massimo Segre, la terribile notizia per lui: cosa rischia ora

Leggi anche: Selvaggia Lucarelli, il commento su Massimo Segre che svela i tradimenti della compagna in pubblico

Il ricordo del padre Alberto Castagna di Carolina

“Mi sono spaventata. Soprattutto perché non aveva più i baffi, glieli avevano tagliati, non lo avevo mai visto così“, confessa Carolina, 31 anni, figlia unica di Alberto Castagna. Il ricordo di quel momento è ancora vivido nella mente di Carolina, un ricordo che risale a quando era ancora una bambina e andò a trovare suo padre in ospedale. Alberto Castagna, celebre per la sua personalità unica e il suo inconfondibile sorriso, è scomparso nel 2005 all’età di 59 anni, lasciando un vuoto incolmabile nella televisione italiana. Ma chi era Alberto Castagna al di fuori dei riflettori? Carolina condivide con noi il suo ricordo speciale di suo padre. Prima della sua prematura scomparsa, Castagna aveva affrontato un grave problema di salute nel luglio del 1998, quando fu colpito da un doppio aneurisma dissecante all’aorta. Questo evento lo costrinse a trascorrere otto lunghi mesi di ricovero presso il Policlinico Gemelli. Un periodo difficile sia per lui che per la sua famiglia, un periodo di sfide e lotte che segnerà la loro vita.

I momenti di affetto e complicità

“Era comunque lui. Dormiva”, continua Carolina nel suo racconto. Il suo tono si fa più intimo e i suoi occhi si riempiono di nostalgia mentre rivive quei momenti. Nel corso dell’intervista al Corriere della Sera, Carolina rivela il legame profondo che condivideva con suo padre durante quei giorni difficili. Mentre le visite all’ospedale erano limitate, Carolina cercava modi creativi per rimanere in contatto con suo padre, per fargli sentire il suo affetto e la sua presenza. “Mamma mi spiegò che non saremmo potute tornare tutti i giorni. ‘Gli puoi mandare dei disegni’. ‘No, lo so cosa desidera papà. Le mie barzellette registrate’. Un nostro gioco. Gli preparai una cassetta. Un giorno poi mi disse che sì, le aveva sentite, non so se fosse vero”, condivide Carolina con una dolce sorriso. In mezzo alla sfida della malattia, padre e figlia avevano trovato un modo per rimanere connessi, per condividere momenti di allegria e leggerezza anche quando le circostanze erano difficili.

Leggi anche: Cristina Seymandi, il drammatico annuncio poco fa: “Sotto choc, cosa faccio ora”

Leggi anche: Massimo Segre rompe il silenzio dopo il video scandalo

Ma ogni storia ha un suo capitolo finale. “Mamma rientrò in lacrime e mi disse che papà non c’era più”, rivela Carolina il momento in cui venne a conoscenza della morte di suo padre. Era un martedì e fino al giorno prima, sembrava che tutto stesse procedendo bene. Avevano trascorso un pomeriggio insieme, aveva perfino comprato a Carolina il CD di Beyoncé. La prematura scomparsa di Alberto Castagna lasciò un vuoto che nessuna parola può descrivere. Il legame tra padre e figlia era forte, e questa connessione speciale è stata tramandata anche attraverso i cambiamenti nella vita di Carolina. Quando, due anni fa, perse anche Stefano, il secondo marito di sua madre, Alberto Castagna aveva lasciato un messaggio di amore e fiducia. “Se dovessi lasciarti, so che con lui sei in buone mani”, erano state le sue parole. Da suo padre e il secondo marito di sua madre, Carolina ha imparato che l’amore e il legame familiare sono la linfa vitale che sostiene e nutre le anime.