x

x

Vai al contenuto

Italia, prove di formazione: il 4-3-3 di Spalletti

Italia, prove di formazione: il 4-3-3 di Spalletti

Si avvicina l’esordio di Luciano Spalletti sulla panchina dell’Italia: tra tre giorni la Nazionale azzurra sfiderà infatti nel quinto match delle qualificazioni ad Euro 2024 la Macedonia, fatale per Mancini. I primi allenamenti a Coverciano hanno contribuito a disegnare quello che potrebbe essere il 4-3-3 del tecnico azzurro che sabato sera potrebbe subito partire con delle innovazioni rispetto al passato.

Leggi anche: Primo allenamento di Spalletti con la Nazionale Italiana

Leggi anche: Spalletti: “Eredito una buona Nazionale. Clausola? Avvocati al lavoro”

In porta di prosegue con Gianluigi Donnarumma, nonostante le difficoltà continuino a Parigi, in difesa sugli esterni Di Lorenzo e Dimarco mentre al centro potrebbe toccare a Scalvini e Bastoni prenderà la guida del pacchetto arretrato. centrocampo tutto muscoli e corsa con Barella, Locatelli e Tonali in supporto delle tre punte Chiesa, in formissima con la Juventus, Zaccagni e il falso nove Raspadori. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Frattesi con la maglia dell'Italia
Davide Frattesi scatta in campo con la maglia dell’Italia nel corso dell’incontro di Nations League contro la Spagna

Un’Italia equilibrata quella disegnata dall’ex allenatore del Napoli che ha già apportato delle importanti modifiche sin dall’inizio del suo mandato da CT: nuove regole comportamentali e allenamenti a 29 giocatori contemporaneamente in gruppo. Un modo di far sentire tutti partecipi, nessuno escluso. Nella prossima settimana i primi due banchi di prova non probanti ma ugualmente fondamentali per Luciano Spalletti e la sua Italia: sei punti fondamentali per immettere tranquillità ad un gruppo già entusiasta della propria nuova guida.

Argomenti