x

x

Vai al contenuto

Tragedia a Taranto, 37enne muore a causa del condizionatore: l’errore che gli è costato la vita

Tragedia a Taranto, 37enne muore a causa del condizionatore: l’errore che gli è costato la vita

La tragedia ha avuto luogo a Taranto. Un uomo di 37 anni è morto folgorato a causa di un condizionatore. Il terribile incidente sarebbe avvenuto mentre l’uomo era intento a lavorare su un balcone. Il 37enne ha commesso un errore che gli è stato fatale. Dopo l’allarme sul luogo della tragedia sono arrivati immediatamente i sanitari del 118, i vigili del Fuoco e gli agenti di polizia. Purtroppo il personale sanitario non ha potuto fare nulla per l’uomo. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: La super vip diventa mamma bis a 53 anni: l’annuncio a sorpresa

Leggi anche: Allarme nelle spiagge italiane: fate attenzione a questo

Taranto, morto folgorato dal condizionatore: l’errore fatale

La tragica vicenda è accaduta nella tarda serata di ieri, giovedì 29 giugno 2023, nel rione Paolo VI, nella zona nord di Taranto. Secondo le prime testimonianze, il 37enne era stato contattato dalla badante di una persona anziana per riparare il dispositivo e offrire un po’ di refrigerio in questi giorni particolarmente torridi. Nel riparare il condizionatore però ha fatto un errore che gli è costato la vita. A nulla sono serviti i soccorsi: purtroppo l’uomo è rimasto folgorato e per lui non c’è stato niente da fare. Sul posto Polizia, 118 e Vigili del Fuoco. Gli agenti della Volante e della Scientifica sono impegnati nelle indagini per accertare il drammatico episodio. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Kata scomparsa, cosa è emerso dai video delle telecamere di sorveglianza

Leggi anche: Michelle, cosa c’è dietro il delitto: il retroscena choc

Cos’ha causato il tragico incidente?

Inizialmente sembrava che il problema del condizionatore dell’anziana signora fosse nel funzionamento del telecomando. Poi però l’uomo ha controllato l’impianto elettrico. Tuttavia, secondo quanto riportato dalle forze dell’ordine, il 37enne avrebbe iniziato ad armeggiare con l’impianto senza tuttavia staccare l’energia elettrica. Da qui la tremenda fatalità. (Continua dopo le foto)

Autopsia sul corpo della vittima?

Ora la vicenda è finita sul tavolo della Procura della Repubblica: il pubblico ministero, che inviato sul posto anche i tecnici dello Spesal, nelle prossime ore dovrà decidere se disporre l’autopsia sul corpo della vittima per accertare le cause della morte e le eventuali responsabilità oppure restituire la salma alla famiglia per celebrare i funerali, fa sapere La gazzetta del mezzogiorno.