x

x

Vai al contenuto

Italia, scoppia panico a bordo dell’aereo Ryanair: passeggeri sotto choc

Italia, scoppia panico a bordo dell’aereo Ryanair: passeggeri sotto choc

Panico e paura per i passeggeri a bordo dell’aereo Ryanair che ieri mattina hanno pensato il peggio quando da un’ala dell’aereo hanno visto uscire del fumo. Il volo Ryanair FR1011 in partenza dall’aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna alle 7, e diretto a Lamezia Terme ha immediatamente allertato un piano d’emergenza.

Leggi anche: Tacconi torna a casa e rompe il silenzio: le sue prime parole dopo il malore

Leggi anche: Nubifragio in Italia, esonda il fiume: la situazione è grave

ryanair

Scoppia panico a bordo dell’aereo Ryanair

I passeggeri del volo Ryanair FR1011, in partenza ieri mattina , 30 ottobre, da Bologna e diretti a Lamezia Terme sono rimasti sotto choc quando, guardando dal finestrino, hanno visto del fumo uscire da un’ala del velivolo. 30 minuti che sembravano ore quelli vissuti dalle persone a bordo dell’aereo. Fortunatamente nulla di grave è accaduto e dopo aver allertato un piano d’emergenza, dopo 40 minuti circa dal decollo, il velivolo è rientrato all’aeroporto di partenza. (continua dopo la foto)

Leggi anche: Morta la famosa attrice: si è tolta la vita a soli 23 anni

La testimonianza di una passeggera

Da un’ala fuoriusciva del fumo, probabilmente per il malfunzionamento di una valvola, scrive BolognaToday, che tramite la testimonianza di una passeggera, diretta al Sant’Eufemia, racconta cosa è successo: “Siamo stato costretti ad evacuare velocemente, bravissimi l’equipaggio e il comandante che ci hanno portati sani e salvi a terra, ma è stato panico fino all’atterraggio” 

Una volta calmati e assicurati che tutto era finito, i passeggeri della disavventura sono stati fatti salire su un secondo aereo che li ha portati a destinazione. (continua dopo la foto)

Volo Ryanair, incidente sfiorato

Nell’ottobre dell’anno scorso è stata sfiorata la strage sempre su un volo Ryanair in partenza dall’aeroporto Marco Polo di Venezia. Una fitta nebbia con visibilità inferiore, per i piloti, ai 500 metri, ma soprattutto lo spinotto di un cavo per le comunicazioni dei controllori di traffico aereo (Tca) inserito nella presa sbagliata. Sono i due fattori che, il 18 ottobre del 2022, hanno provocato una situazione classificata come “grave inconveniente” dall’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) all’aeroporto Marco Polo di Venezia, il terzo scalo aeroportuale d’Italia, dove hanno rischiato di scontrarsi le rotte di due aerei: un Airbus A321 di Iberia con 203 persone a bordo in fase di atterraggio e un Boeing 737 di Ryanair con 174 persone in fase di decollo con direzione Londra.