Vai al contenuto

Ferrari nel caos, Leclerc: “Persino la radio non funziona”

Ferrari nel caos, Leclerc: “Persino la radio non funziona”

Charles Leclerc molto amareggiato dopo i risultati deludenti della Ferrari negli ultimi Gran Premi. Il pilota monegasco ha parlato anche di un problema alla radio che ha impedito una comunicazione lineare nel corso della gara corsa in Ungheria.

Leggi anche: Gp d’Ungheria: settima vittoria consecutiva per Verstappen

Leggi anche: Pallanuoto, impresa Setterosa: battuti gli USA

Leclerc spiega cosa non funziona

Al cambio gomme del GP d’Ungheria anche il pit stop non è andato bene in casa Ferrari. Gli uomini della Rossa hanno fatto perdere una decina di secondi a Leclerc con la pistola inceppata per il cambio della ruota posteriore. Il monegasco ha anche sottolineato un altro intoppo: “Parlo meno in radio perché abbiamo qualche problema, si sente una parola su quattro di quello che viene detto. Tutto era chiaro su quello che avrei voluto fare oggi, non c’era molto da discutere in radio. Purtroppo non abbiamo l’auto per fare cose speciali, bisogna essere pazienti, ma la motivazione c’è sempre” ha spiegato il pilota a Sky Sport.

Leclerc a bordo della Ferrari mentre affronta una curva
Leclerc fatica a Silverstone con la Ferrari cercando di tenere il passo delle RedBull (Photo by Joe Portlock – Formula 1/Formula 1 via Getty Images)

Risultati deludenti della Ferrari

I risultati sono sempre più deludenti. Sarebbe inutile fare il confronto con la RedBull, che in questa stagione ha un passo completamente diverso e sta centrando un record dopo l’altro. Ma per la Ferrari non regge nemmeno il paragone con la Mercedes e con la McLaren, che invece hanno molte lacune ma stanno comunque dimostrando più progressi rispetto alla casa di Maranello. Rimangono ancora un po’ di gran premi per salvare la faccia, ma da ambienti vicini alla Rossa è emerso che il reparto ingegneri stia già lavorando per la prossima monoposto, cercando di archiviare parzialmente questa stagione fallimentare.

Leggi anche: Serie A, l’Arabia ti fa più ricca: gli incassi delle italiane

Argomenti