Vai al contenuto

Donnarumma che papera: altro errore coi piedi

Donnarumma che papera: altro errore coi piedi

Il portiere italiano ha commesso un grave errore con i piedi che ha permesso a Minamino di segnare il gol dell’1-1 nella partita di Ligue 1 tra il Psg e il Monaco.

Leggi anche: Mbappé, tre gol e PSG in testa. Ma Luis Enrique lo critica

Leggi anche: Balotelli difende Donnarumma: “È più forte di Maignan”

Gianluigi Donnarumma vorrà sicuramente dimenticare la sua prestazione nella partita di Ligue 1 tra il Psg e il Monaco, terminata 5-2 per i parigini. Il portiere italiano, infatti, ha commesso una papera clamorosa che ha regalato il gol del pareggio al Monaco al 22’ del primo tempo. (LEGGI ANCHE)

Donnarumma
Donnarumma esultante dopo il successo ottenuto dal suo Psg contro il Milan al Parco dei Principi

L’episodio è avvenuto quando il Psg conduceva per 1-0 grazie ai gol di Goncalo Ramos. Donnarumma ha ricevuto un retropassaggio da Marquinhos e ha cercato di impostare il gioco con i piedi, ma ha sbagliato completamente il controllo e ha lasciato la palla a Minamino, che non si è fatto pregare e ha insaccato a porta vuota. (CONTINUA DOPO IL VIDEO)

Un errore incredibile per un portiere di livello mondiale come Donnarumma, che ha già commesso altre papere in carriera, soprattutto con i piedi. Una di queste risale al 2019, quando era ancora al Milan servì erroneamente l’attaccante della Sampdoria Defrel al Marassi. Donnarumma ha poi cercato di rimediare alla sua papera con alcune parate, ma non è bastato a evitare le critiche e le ironie sui social network, dove molti utenti hanno paragonato il suo errore a quello di Karius nella finale di Champions League del 2018 tra il Liverpool e il Real Madrid

Per fortuna per il Psg, il gol di Donnarumma non è stato decisivo, perché il Psg ha poi dilagato segnando altri 4 gol e chiudendo la partita sul risultato di 5-2. Tuttavia, il portiere italiano dovrà fare molta attenzione a non ripetere errori simili in futuro, se vuole mantenere la fiducia di Pochettino e dei tifosi.

Argomenti