x

x

Vai al contenuto

Veggente scrive una lettera alla Protezione Civile: la previsione apocalittica

Veggente scrive una lettera alla Protezione Civile: la previsione apocalittica

Una donna, che dice di essere una veggente ha mandato una lettera anonima di due facciate alla Protezione Civile. Si tratta di un avvertimento: la donna ha predetto un evento apocalittico. Nella lettera ha indicato quando avverrà e anche dove di preciso in Italia. Il documento è stato pubblicato su Facebook dall’assessore della Protezione Civile. Cosa sta succedendo. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: “Incinta del secondo figlio”: Aurora Ramazzotti, colpo di scena, lei risponde così

Leggi anche: Bianca Berlinguer, cambiano gli equilibri in Mediaset: che ne sarà di Giordano e Porro

Veggente scrive una lettera alla Protezione Civile: forte terremoto a Udine

“Io sono un veggente della madre di Dio. Il terremoto verrà verso i primi giorni di giugno. Sarà un terremoto molto forte, nella provincia di Udine. Ci saranno danni in molte case. Ci saranno molti morti, feriti anche gravi. Ci saranno anche molti danni nei territori vicini. Protezione civile, se mi ascoltate verrà tra non molto questo terremoto, se non mi ascoltate Amen”, si legge nella lettera indirizzata alla Protezione civile del Veneto. Un documento che contiene una previsione apocalittica, recapitato in una busta anonima. La previsione tuttavia, non si è avverata. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: La famosa figlia vip ha sposato il calciatore: nozze a sorpresa, ci sono anche loro

Leggi anche: Isabella e Manuel lasciano Temptation Island, poi scoppia la bufera su di lei: cos’è successo

Il commento al monito della veggente

L’assessore regionale del Veneto alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin, ha pubblicato il documento su Facebook e lo ha commentato. “A volte arrivano anche lettere anonime come questa che annunciava un violento terremoto. I terremoti allo stato attuale non sono prevedibili dalla scienza. Dai veggenti neppure mi par di capire”, scrive ironicamente. Poi ha scritto che il Friuli è un’area ad alto rischio di terremoti. “Qualcuno ironicamente ha messo in luce come in quella lettera anonima non venga specificato l’anno di questa previsione ma solo il mese. E allora tornando seri occorre continuare ad operare su due fronti: costruire bene gli edifici ed essere pronti a gestire l’emergenza”, ha continuato Bottacin.