x

x

Vai al contenuto

Psg-Milan a “Rischio terrorismo” e non solo

Psg-Milan a “Rischio terrorismo” e non solo

Domani sera al Parco dei Principi di Parigi si giocherà PSG-Milan, una delle partite più attese della terza giornata del gruppo F di Champions League. La sfida tra i due club storici del calcio europeo, però, è stata classificata come a rischio livello 3 dalle autorità francesi, che temono problemi di ordine pubblico.

Leggi anche: Pioli: “Contro il Psg non sarà decisiva”

Leggi anche: Donnarumma: “Racconterò perché ho lasciato il Milan”

Le motivazioni di questa preoccupazione sono due: la minaccia terroristica e il rapporto tra le tifoserie. Per quanto riguarda il primo aspetto, la Francia è ancora sotto shock per gli attentati di Bruxelles, avvenuti pochi giorni fa, e vuole evitare che si ripetano episodi simili in occasione di un evento sportivo di portata internazionale come quello in programma domani sera. Per questo motivo, sono state predisposte misure di sicurezza straordinarie, con controlli rigorosi all’ingresso dello stadio e pattuglie di polizia in città. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Hakimi esulta
Hakimi festeggia per il gol siglato in Ligue 1 contro il Marsiglia

Presenza tifosi napoletani a Parigi

Per quanto riguarda il secondo aspetto, la partita potrebbe essere occasione di scontri tra le diverse fazioni di tifosi nonostante tra i sostenitori di PSG e Milan non ci siano particolari rivalità. A preoccupare è infatti la presenza di ultras napoletani, invitati dal Collettivo Ultras Parigi (CUP), che, vista la rivalità con i supporter rossoneri, potrebbero innescare imprevedibili tensioni tra le tifoserie. Il clima di paura che da Gaza si sposta in Europa ha anche spinto il club transalpino a vietare l’esposizioni di bandiere palestinesi o ebraiche sugli spalti.

Il punto sul girone F

PSG e Milan si affrontano in un momento cruciale del girone: i francesi sono secondi con 3 punti dietro alla capolista Newcastle (4), mentre i rossoneri sono terzi a quota 2 punti, uno in più del fanalino di coda Borussia Dortmund.

Argomenti