x

x

Vai al contenuto

Pallanuoto: bronzo per il setterosa ai Mondiali

Pallanuoto: bronzo per il setterosa ai Mondiali

Medaglia di bronzo per l’Italia femminile di pallanuoto: il setterosa si è infatti imposto 16-14 sull’Australia nella finale per il terzo posto ipotecando così il gradino più basso del podio iridato. L’oro va invece all’Olanda (che ha battuto le azzurre in semifinale) superando la Spagna nella finale dei campionati del Mondo.

Leggi anche: Mondiali pallanuoto, setterosa eliminato dall’Olanda

Leggi anche: Mondiali pallanuoto: Settebello eliminato ai rigori dalla Serbia

Gara divertente e ricca di gol quella tra Italie e Australia con le azzurre che partono subito bene andando in vantaggio con Roberta Bianconi, si risolleva l’Australia che pareggia e passa in vantaggio nel giro di pochi minuti per poi essere agganciate dalle azzurre che riescono nel sorpasso prima della fine del primo quarto 5-4 grazie alle doppiette di Bianconi e di Marletta e al gol di Bettini. Secondo quarto che prosegue sulla scia del primo con l’Italia che, non senza difficoltà, riesce a mantenere il vantaggio e arrivare a due gol di vantaggio grazie alla splendida giocata di Bianconi e il rigore segnato da Marletta per il 9 a 7. L’Australia è però dura a morire e, grazie alla superiorità numerica ottenuta dopo l’espulsione di Valeria Palmieri fissano sul 10-10 la prima metà di gara. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Setterosa in posa con la medaglia di bronzo Mondlale
Le pallanuotiste azzurre in posa con la medaglia di bronzo conquistata ai mondiali giapponesi

La ripresa di Italia-Australia

La ripresa parte nel migliore dei modi per l’Italia che ottiene subito il vantaggio con Marletta su rigore e allunga con Giustini e Bianconi chiudendo il terzo quarto sul 13-11. La quarta e ultima frazione di gioco vede il setterosa amministrare bene il vantaggio riuscendo a mantenere tre gol di vantaggio fino al gol della bandiera siglato da Armit nel finale. Finisce 16-14 per le azzurre che possono festeggiare il terzo posto mondiale.

Argomenti