Vai al contenuto

Mazzarri: “Ora non mi lamento più. Napoli più forte”

Mazzarri: “Ora non mi lamento più. Napoli più forte”

Il nuovo tecnico azzurro ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l’Atalanta, esprimendo la sua gioia per il suo ritorno al club dopo dieci anni.

Leggi anche: Tensione Napoli, lo striscione dei tifosi contro i giocatori

Leggi anche:Sarà un nuovo Napoli: come potrebbe cambiare con Mazzarri

Walter Mazzarri è tornato al Napoli, il club con cui ha vissuto quattro anni pazzeschi e esaltanti, dal 2009 al 2013, vincendo una Coppa Italia e portando la squadra in Champions League. Il tecnico toscano ha sostituito Rudi Garcia, esonerato dopo la sconfitta contro il Torino, e ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sua prima partita, contro l’Atalanta a Bergamo.

“Sono emozionato, mi avete fatto emozionare. Sono felice di essere qui, il Napoli è una famiglia, una città, una passione. Ringrazio il presidente De Laurentiis per avermi voluto di nuovo, lui è una persona speciale, che ha sempre creduto in me e che mi ha dato la possibilità di tornare a casa. Sono qui per dare il massimo, per onorare questa maglia e per rendere orgogliosi i tifosi” ha dichiarato Mazzarri, visibilmente commosso.

La squadra più forte che abbia allenato

Walter Mazzarri ha anche parlato delle prime impressioni dopo aver visto la squadra allenarsi a Castel Volutrno: “È la squadra più forte che abbia mai allenato. Devo stare attento a come parlo che sono famoso che mi lamento sempre. Ora però sono riposato ho dormito 12 ore”. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Anguissa disperato
Anguissa si rammarica dopo l’occasione sprecata per il Napoli (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Mazzarri si è anche soffermato sull’inizio di stagione difficile dopo la straordinaria cavalcata Scudetto vissuta con Luciano Spalletti nella scorsa annata: “Essendo uno che vive da 23 anni nel calcio, ho detto loro che probabilmente a una squadra non abituata vincere scudetti era normale che quest’anno pagasse qualcosa – spiega – Era difficile per chiunque, sono venuto per portare la mia esperienza e per fargli capire i pericoli”.

Sulla chiamata di De Laurentiis e gli stimoli per tornare ad allenare il Napoli: “Ho un rapporto con lui, ci siamo chiariti dell’equivoco durato un paio d’anni quando me ne sono andato, ma posso dire che ora ci diamo del tu e abbiamo stima reciproca”.

Argomenti