Vai al contenuto

Inter e Juventus a confronto: i fattori della lotta scudetto

Inter e Juventus a confronto: i fattori della lotta scudetto

Inter e Juventus hanno infiammato il mese di dicembre in Serie A. Un lungo tira e molla che ha portato i nerazzurri al primo tentativo di fuga in campionato. Facciamo il punto.

La prova di forza della Juventus

i tre punti con il Frosinone sono stati sofferti, ma alla fine la Juventus è riuscita ad avere la meglio di misura. Non di corto muso, come spesso accade negli ultimi tempi, però pur sempre con un vantaggio risicato e con una difesa quasi impeccabile. Un messaggio forte all’Inter per far capire che i bianconeri ci sono, pur con una rosa leggermente inferiore e con un attacco non stellare. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Leggi anche: Il Manchester City vince Mondiale per club: goleada alla Fluminense

Leggi anche: La Salernitana ferma il Milan 2-2: Jovic salva Pioli nel finale

Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic della Juventus festeggia il gol dell’1-2 durante la partita tra Frosinone e Juventus allo Stadio Benito Stirpe (Foto di Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Il percorso dell’Inter

L’Inter è uscita alla distanza, partendo a rilento in campionato e trovando continuità di risultati tra novembre e dicembre, proprio quando il calendario richiedeva un’accelerata. Le vittorie contro il Milan, il Napoli e la Roma hanno segnato una svolta nelle convinzioni del gruppo, ora più consapevole della propria forza. La fuga di dicembre è un segnale forte, anche se quattro punti in questo momento della stagione non sono un distacco abissale. Tuttavia la pressione ora è tutta su Allegri, che deve rimanere in scia dei nerazzurri. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Vlahovic in pressing su De Vrij
Duello tra Stefan De Vrij e Dusan Vlahovic (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il calendario delle due squadre

Il mese di gennaio però vedrà l’Inter impegnata nella Supercoppa Italiana in Arabia Saudita, una competizione che nel nuovo formato potrebbe togliere molte energie. Inoltre ci sarà anche la trasferta di Firenze, prima dello scontro diretto contro la Juventus del 4 febbraio. Un percorso tortuoso, nettamente più difficile di quello di Allegri: i bianconeri in venti giorni affronteranno squadre di medio-bassa classifica, come la Salernitana, il Sassuolo, il Lecce e l’Empoli.

Leggi anche: Zaniolo salva l’Aston Villa: primo gol in Premier

Argomenti