Vai al contenuto

Coppa Davis, Sinner batte Djokovic: è finale per l’Italia

Coppa Davis, Sinner batte Djokovic: è finale per l’Italia

Il tennista azzurro ha compiuto un’impresa storica, sconfiggendo il numero uno del mondo. Il doppio decisivo con Sinner e Sonego ha poi regalato la finale in Coppa Davis.

Leggi anche: Coppa Davis, Italia in semifinale nel segno di Sonego e Sinner

Leggi anche: Coppa Davis, Sinner: “Non penso alla rivincita con Djokovic”

Jannik Sinner ha scritto una delle pagine più belle della storia del tennis italiano, battendo Novak Djokovic in tre set con il punteggio di 6-2, 2-6, 7-5 nella semifinale di Coppa Davis tra l’Italia e la Serbia a Malaga. L’azzurro, che aveva già battuto il serbo nella fase a gironi delle ATP Finals di Torino, ha ripetuto l’impresa in una partita ancora più emozionante e drammatica, salvando tre match point nel terzo set e chiudendo il match con un rovescio vincente dopo due ore e 40 minuti di gioco. (CONTINUA DOPO LA FOTO)

Coppa Davis - Italia
Sinner e Sonego festeggiano durante il doppio nella Davis (Photo by Clive Brunskill/Getty Images for ITF)

Recupero in extremis

Sinner ha iniziato la partita con grande determinazione e sicurezza, dominando il primo set con un tennis aggressivo e preciso. Il 20enne altoatesino ha messo sotto pressione Djokovic con il suo servizio e i suoi colpi da fondo, conquistando due break e portandosi sul 6-2 in 36 minuti. Nel secondo set, però, il serbo ha reagito con la sua classe e la sua esperienza, alzando il livello del suo gioco e costringendo Sinner a commettere più errori. Djokovic ha pareggiato i conti con un 6-2 in 32 minuti, sfruttando due break e annullando le due palle break concesse a Sinner.

Brividi in gara

Il terzo set è stato un vero e proprio thriller, con continui ribaltamenti di fronte e colpi da brivido. Sinner ha iniziato bene, andando avanti 3-1 con un break, ma Djokovic ha recuperato subito il break e ha impattato sul 3-3. Il serbo ha poi avuto la prima palla match sul 5-4, ma Sinner l’ha annullata con un ace. Sul 6-5, Djokovic ha avuto altre due palle match, ma Sinner le ha cancellate con due vincenti. Infine, al quarto match point a suo favore, Sinner ha chiuso la partita con un rovescio lungolinea che ha fatto esplodere di gioia lui, i suoi compagni e i tifosi azzurri.

Il doppio decisivo

Per decidere chi affronterà l’Australia in finale di Coppa Davis è stato decisivo il doppio con nuovamente in campo Sinner e Djokovic: i due tennisti protagonisti nel secondo singolo sono stati affiancati rispettivamente da Sonego e Kecmanovic. L’Italia si impone 6-4 e fa la storia, tornando in finale addirittura dopo 25 anni, ovvero dal lontano 1998. Nell’ultima sfida gli Azzurri se la vedranno con l’Australia. Questa volta Djokovic si fa da parte ed è Sinner a volare verso la finale, trascinando il gruppo italiano verso un risultato inaspettato. Il serbo a fine gara ha abbracciato il campione italiano dicendogli “Bravo, bravo”. L’ultima nostra vittoria in Coppa Davis fu firmata Barazzutti, Panatta, Bertolucci e Zugarelli nel 1976 in Cile, la storia potrebbe ripetersi contro i Canguri.

Leggi anche: Mourinho: “Me ne andrò in Arabia, Roma poco protetta”